Cronaca

“Pescato” il presunto motociclista web

immagine

GENOVA — Aveva percorso la A7 a folle velocità sulle montagne liguri fra curve, controcurve e tornanti, e pubblicato sul web i video della sua illegale corsa. Ora però lo spericolato centauro è stato individuato dalla polizia stradale che lo ha identificato attraverso il riflesso del casco sul vetro del contachilometri.

La polizia lo ha denunciato. Si tratta di un uomo di 24 anni, Christian Perasso, originario di Genova ma residente ad Arquata Scrivia (Alessandria). Nel suo garage gli agenti hanno trovato, smontata, una Honda 1000 Cbr Rr Repsol, lo stesso modello che sfrecciava sulla A7 (nella foto un modello simile a quello utilizzato).
 
Il giovane però nega di essere il centauro del video e sostiene di avere soltanto immesso il filmato nella rete. L’Honda lanciata a oltre 250 all’ora ha percorso il tratto Bolzaneto-Serravalle e viceversa, sorpassando a destra e slalomando fra le auto.
 
Perasso, diploma da ragioniere, ha fatto anche il casellante stagionale proprio sulla A7. "Non ero io a guidare, ho solo messo in rete il filmato", ha detto agli agenti della stradale. Peccato che nella perquisizione gli abbiano trovato un giubbotto simile a quello indossato nel filmato, la staffa per la webcam, e una Honda 1000 smontata.
 
Il giovane, un paio di anni fa, era stato già denunciato perché coinvolto in garre tra auto. La polizia gli ha sequestrato anche l’hard disk del computer dal quale sono stati però cancellati i filmati che testimoniavano la folle corsa. Le indagini proseguono per risalire a eventuali complici.
 
related links

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close