Foto

L’estate in parete di Luca Maspes

immagineUna incessante stagione alpinistica nelle Alpi Centrali. In tre mesi nascono ben 11 vie nuove, scalate solitarie e arrampicate libere sparse in tutte le valli della zona. E’ questa l’estate 2006 del noto alpinista valtellinese Luca Maspes.

 
Una sorta di percorso esplorativo sulle pareti della Valmasino, della Valmalenco e della Val Grosina, portato a termine in stili sempre diversi, dall’arrampicata libera e tradizionale a quella moderna con spit. Opera di Luca Maspes e di un gruppetto di forti scalatori locali tra cui Rossano Libera, Giovanni Ongaro, Giuliano Bordoni, Fabio Salini e Anna Ceruti.
 
(leggi tutto su Montagna.tv)
 
 


Sulle placche iniziali di "Tuono" durante la prima salita (foto L. Maspes)


Nel diedro di "Obelix", Punta Paganini, Val di Ferro (foto M, Foligno)


Luca Maspes e Giuliano Bordoni in vetta al Sasso Maurigno, Valgrosina (autoscatto)


Luca Maspes in vetta al Pizzo Badile dopo la solitaria su "Ringhio" (autoscatto)


Al secondo giorno di scalata sulla via nuova "Tutto vero" al Picco Luigi Amedeo, Val Torrone (foto Anna Ceruti)


Rossano Libera sul primo tiro di "Juvergogna", Pizzo Porcellizzo (foto L. Maspes)


Materiale per una scalata veloce all’attacco di "Velociraptor", Pizzo Cengalo (foto R. Libera)


Sotto lo strapiombo di "Velociraptor", Pizzo Cengalo (foto R. Libera)
 


Ricovero per pecore in Val del Ferro (foto L. Maspes)
 
 


Tentativo di via nuova sulla Punta Bertani, Val del Ferro (foto Anna Ceruti)
 


Il primo tiro di "Viola bacia tutti" sopra la cengia del bivacco sulla Sud della Cima Viola (foto G. Bordoni)


Giuliano Bordoni sale "appesantito" durante il secondo giorno di scalata sulla Cima Viola(foto L. Maspes)


Rossano Libera nel profondo camino a metà di "Viola bacia tutti"  (foto L. Maspes)
 


Panoramica della testata della Val di Zocca e del Torrone. Al centro, il Picco Luigi Amedeo (foto L. Maspes)


Andrea Barbieri segue sul tiro chiave di "Il triangolo d’oro", Punta Medaccio (foto L. Maspes)

 
Sulle prime placche de "Il triangolo d’oro", Punta Medaccio (foto M. Farina)

 
Uno sguardo sul secondo muro verticale di "Malenconìa", Sasso Nero, Valmalenco (autoscatto)
 

 
Fabio Salini apre tra la nebbia l’ultimo tiro di "Kriminal", Pizzo Torrone Occidentale (foto L. Maspes

 

 

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close