News

Vino: annata capricciosa ma di qualità

18 ottobre 2005 – Cin cin, beviamoci sopra: l’annata è in perdita ma la qualità del vino, quella, c’è tutta. La vendemmia 2005 ha segnato una flessione dell’11 per cento rispetto all’anno precedente sulla quantità di vino prodotto. Ma, come previsto, la qualità è rimasta piuttosto alta. Lo sostiene Assoenologi.

 

vinoSecondo l’associazione di categoria, quest’anno si chiuderà così con una produzione intorno ai 47,5 milioni di ettolitri di vini e mosti, in calo rispetto ai 53,3 milioni del 2004 e ai 49,7 milioni della media quinquennale. Un’annata scarsa dal punto di vista quantitativo, ma ben lontana dai risultati del 2002 (44,6 milioni di ettolitri) e del 2003 (44,1 milioni), i peggiori degli ultimi decenni. 

 

"E’ stata un’annata capricciosa – ha detto il direttore dell’Associazione enologi enotecnici italiani, Giuseppe Martelli – che sarà ricordata come una delle più bizzarre al Centro-Nord dove, in piu’ occasioni, le stagioni si sono quasi invertite, tanto che nel Nord-Est il Ferragosto 2005 è stato definito il più freddo degli ultimi 10 anni".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close