News

Emilia Romagna: grazie ai giovani cresce il turismo montano

22 agosto 2005 – Il turismo in alta Valdarda, provincia di Piacenza, è in crescita grazie alle strutture ricettive che si sono incrementate nell’ultimo anno. Il merito va ad un coraggioso gruppo di giovani imprenditori, testimoni di una sorta di emigrazione alla rovescia. Rappresentanti delle nuove generazioni che scappano dalla città per investire sulla montagna.

Una scelta coraggiosa, nata però in modo naturale: «Avevamo una seconda casa a Vernasca, pur abitando in città a Piacenza. Abbiamo deciso di tornare in questi luoghi splendidi e di lavorarci». Il bilancio? «Positivo, abbiamo sempre ospiti: generalmente le presenze sono di una notte. Soggiorni più lunghi ci sono quando è in corso la stagione lirica, durante la quale ospitiamo musicisti, tecnici e cantanti».

Giovane è anche Gianluigi Molinari, presidente della Comunità montana valli Nure e Arda che esulta: «La nostra terra si sta svegliando. Il problema della ricettività qui non esiste più: le strutture ci sono, e ci sono le basi per farle decollare. Da maggio in avanti i posti letto sono pieni».

Ha pochi mesi di vita, ma prospettive luminose, l’Ostello degli elfi di Vezzolacca, inaugurato a giugno. A gestirlo una società di giovani: il titolare è Gianfranco Solari, 32 anni. L’ostello garantisce oltre 20 posti letto (3 camere e un camerone disponibili), è al centro dell’abitato della frazione di Vernasca e al crocevia di vari sentieri della zona. «Il turismo qui – spiega Molinari, sindaco di Vernasca e presidente della Comunità montana – è legato alle escursioni in montagna, dalle passeggiate alle gite in mountain bike. La parola d’ordine è natura, per i turisti che vengono qui nel week end anche dalla Lombardia, per gli anziani che salgono in montagna per respirare aria buona».

Anche a San Genesio (altra frazione di Vernasca), esiste un ostello di proprietà comunale: il gestore è Alessandro Crovetti, 33 anni, che manda avanti la pizzeria e l’ostello, con una ricettività di almeno 20 posti letto. A queste strutture si aggiungono una bella manciata di Bed and Breakfast.

Per rimanere nel territorio di Vernasca, ad esempio, c’è il Bivacco, e, a Pione, verso la frazione di Bore, si trova la Locanda dei Due, immersa tra i boschi e gestita da Luca Boselli, altro under 35, anche lui atipico migrante dalla città alla montagna.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close