CronacaNews

Perse nel whiteout sul Matajur, escursioniste chiamano i soccorsi

Nel primo pomeriggio di lunedì 4 aprile, due donne di Trieste hanno chiesto aiuto al Soccorso Alpino al rientro dalla cima del Monte Matajur (1650 m). Le donne hanno riferito di non riuscire a trovare il sentiero per rientrare al Rifugio Pelizzo per la ridotta visibilità dovuta alla nebbia e al whiteout causato dalla compresenza di neve al suolo.

Mentre le squadre della stazione di Udine si organizzavano per portarsi in quota, le donne sono poi riuscite a ritrovare la traccia ed hanno comunque atteso i soccorritori nei pressi della propria automobile. L’intervento si è svolto tra le 14.30 circa e le 16.30 circa.

Allo stesso modo il 29 marzo un gruppo di persone aveva chiamato i soccorsi per ridotta visibilità e per l’arrivo del buio sempre al rientro dalla cima del Matajur: queste ultime avevano atteso i soccorritori nei pressi dell’ultimo cartello sentieristico avvistato.

Problemi di segnaletica

I soccorritori hanno riferito che una concausa dell’effetto di smarrimento – la casistica riporta altri soccorsi simili in passato – è sicuramente dovuta al fatto che manca, al rientro dalla cima e circa ad un chilometro distanza dal Rifugio Pelizzo, una indicazione precisa sulla direzione da seguire per il Rifugio Pelizzo tra i cartelli presenti, che invece indicano le direzioni verso il rifugio alpino presente poco sotto la cima del Matajur e verso Luicco/ Livek.

Tags

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Cartina e bussola e/o gps e cartina digitale eviterebbero di perdersi su sentieri escursionistici semplici.

  2. Ma come si fa a perdersi sul Matajur? Tra l’altro segnale ottimo in 4G e quindi una banale app di sentieri gratuita avrebbe evitato la solita chiamata causata da sta gente sprovveduta! Spero abbiano pagato dazio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close