News

Courmayeur. Una fiaccolata statica carica di speranza per il nuovo anno

Lo scorso 30 dicembre, ormai agli sgoccioli dell’infausto 2020, la notte di Courmayeur si è accesa dei colori della tradizionale fiaccolata di fine anno dei maestri di sci che precede il Capodanno. Quest’anno organizzata in una veste diversa, necessariamente. Senza discese e senza pubblico, nel pieno rispetto delle normative vigenti.

“La fiaccolata di fine anno – si legge sulla pagina Facebook Courmayeur Mont Blanc, dove l’evento è stato trasmesso in diretta streaming (ed è ancora disponibile per la visione di chi se lo fosse perso) – è una tradizione in grado di scaldare sempre gli occhi e il cuore”.

Courmayeur illuminata dalle fiaccole

La manifestazione per la prima volta in 60 anni non ha dunque visto scendere sugli sci dallo Checrouit i maestri, che sono invece rimasti immobili con indosso la mascherina e nel rispetto del distanziamento, come si evince dalle immagini suggestive.

“Fiaccole accese ha visto la partecipazione di tutto il paese sulla neve di Dolonne – si legge ancora –  con i maestri della Scuola Sci & Snowboard Monte Bianco e della Scuola di Sci e Snowboard Courmayeur, insieme alla Società Guide Alpine di Courmayeur. E per le vie del centro dove commercianti e albergatori hanno rappresentato con le loro fiaccole l’unione di tutti gli operatori turistici. Courmayeur conclude così l’anno, con lo sguardo rivolto in avanti, pronti tutti insieme a ripartire in questo nuovo 2021 ai piedi del Monte Bianco”.

Guardare avanti con fiducia

“È stato un anno difficile – le parole del sindaco di Courmayeur Roberto Rota, maestro di sci e già vice presidente dell’Associazione Valdostana e del Collegio Nazionale dei maestri di sci, rilasciate al quotidiano Repubblica – ma guardiamo con fiducia al futuro. Siamo pronti ad accogliere di nuovo i turisti e gli amici di Courmayeur sulle nostre piste, come nelle numerose attività commerciali del territorio. In piena sicurezza e nel rispetto delle regole. Facendo gruppo, come dimostra questa fiaccolata, possiamo farcela. Con la ripartenza del sistema Italia ci auguriamo che la montagna abbia la giusta considerazione”.

Tags

Articoli correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close