• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Pareti

Nuove vie sulle Tre Cime di Lavaredo

Siamo portati spesso a pensare che per trovare nuove vie di arrampicata sia necessario andare dall’altro capo del mondo, su montagne inaccessibili e irraggiungibili.

Un pensiero sbagliato, come dimostra la fervida cronaca alpinistica sulle nostre Alpi, anche in zone in cui crediamo sia già stato fatto tutto e non ci sia più nulla di nuovo da scoprire. A parlare di “avventura dietro casa” anche Nicola Tondini, che ha aperto sulla Cima Ovest di Lavaredo una nuova via, in una nostra recente intervista sull’alpinismo dolomitico.

Ed è proprio sulle Tre Cime di Lavaredo che vogliamo rimanere per raccontarvi l’apertura di altre due vie, che dimostrano ancora una volta che si può dare sfogo alla propria fantasia alpinistica e vedere linee che ancora nessuno aveva intravisto, magari accanto alle grandi classiche.

“Via diretta” sulla Cima Grande

Una nuova via è stata aperta nel corso dell’estate sulla Cima Grande di Lavaredo (2.999 m). La salita è stata compiuta nel mese di luglio da tre istruttori di alpinismo in forza al 6° reggimento Alpini (battaglione “Bassano”), impegnati nelle attività di preparazione dell’esercitazione alpinistica internazionale “Tre Cime”, organizzata dal Comando Truppe Alpine lo scorso 11 luglio.  La notizia è stata però diffusa dal 6° reggimento solo negli scorsi giorni.

Il luogotenente Ewald Beikircher, il caporale maggiore scelto Matteo Lovat e il caporale maggiore scelto Simone Pomarè Montin hanno ribattezzato l’itinerario semplicemente “Via diretta”. Si tratta di otto tiri di corda con difficoltà fino al VI grado, aperti dal basso con utilizzo di chiodi alpinistici e spit fix da 10 mm per le soste.

“Nostalgie” sulla Cima Piccola

Le guide alpine Manuel Baumgartner e Mark Oberlechner hanno aperto una via sulla parete nord della Cima Piccola di Lavaredo.

“Nostalgie”, così l’hanno chiamata, è una linea di 8 tiri con difficoltà fino al VIII – che sale tra lo Spigolo Comici-Mazzorana e la via Fehrmann. I chiodi utilizzati per l’apertura sono rimasti in parete. La via presenta, a parte il primo tiro, roccia abbastanza buona.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Alpinismo vero, sincero, per passione pura e semplice.
    Sui nostri bellissimi monti che ancora tanto hanno da dare.
    Grazie, ne avevamo bisogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.