• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Itinerari, Primo Piano

Per combattere le code sul Gran Paradiso, nuovo percorso per la salita

gran paradisoFoto @ Rifugio Chabod

Oramai il tema degli ingorghi sulle montagne è un fatto conosciuto e che non sorprende quasi più: in coda sull’Everest, in coda sul Monte Bianco, in coda sui sentieri e ferrate delle Dolomiti.

Proprio per combattere il fenomeno, sulla normale del Gran Paradiso è stato predisposto un percorso per la salita e un altro per la discesa, così da non sovrapporre i flussi degli alpinisti che solitamente creavano ingorghi poco sotto la Madonnina, dove la via diventa esposta sulla cresta e in molti rallentano per assicurarsi.

Ora, come indicato nelle foto postate dal Rifugio Chabod, base di partenza per la normale, per salire si possono sfruttare dei pioli che evitano di percorrere la via classica.

Articolo precedenteArticolo successivo

5 Comments

  1. Ottimo, era ora!

    Solo una domanda, il numerino lo si prende al Vittorio Emanuele o c’é il distributore ai piedi delle roccette terminali?

  2. Personalmente avrei spostato la Madonnina ,se proprio uno la vuole raggiungere ,visto che non è su una cima,ma in cresta.Sembra messa apposta in un luogo che si può raggiungere in fila indiana solamente e con le sicure e se si è in molti è un casinò.Ci sono arrivato 4 volte a 10m poi mi sono sempre rotto di aspettare ,non ne sento la mancanza.

  3. I numeri si possono prendere a Pont oppure al Vittorio Emanuele o anche al Chabod. Finché aspetti il tuo numero comunque c’é un Chiosco poco sotto la cima che vende birra e panini e giornali. Da quest’anno poi hanno istituito un servizio di pulizia scarponi ghiacciati e disincrostatura ramponi, per evitare rallentamenti nel senso unico di salita…

  4. Bene, dai! Finalmente la normale messa in sicurezza: mi sembra assurdo, su una via facile come il Gran Paradiso, lasciare che la gente rischi la vita sui pochi metri finali che è giusto percorrere in tutta tranquillità, lasciando solo un felice ricordo a chi vi sale.

  5. eppure basterebbe segnalare il fatto che quella NON è la cima del Gran Paradiso.. ma un torrione secondario pochi metri piu’ basso..

    piuttosto proseguite fino alla VERA cima del Gran Paradiso, poche decine di metri piu’ in là.. peraltro abbastanza agevole (non peggio di questa).. vedrete che non trovate ingorghi e casini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.