AmbienteNews

Nasce il progetto Mosaico Verde a sostegno della natura sul territorio italiano

Arriva dallo sforzo di Azzero CO2 e Legambiente il progetto Mosaico Verdeuna sostanziosa operazione a respiro nazionale di rimboschimento e riqualificazione delle aree verdi. Enti pubblici e aziende contribuiranno a rendere possibile il progetto, che punta a supportare la penisola nel contesto del Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici promosso dal Ministero dell’Ambiente.

L’obbiettivo è quello di piantare almeno 300.000 nuovi alberi sul territorio e contribuire alla tutela di 30.000 ettari di zone boschive abbandonate, il tutto nell’arco dei prossimi tre anni. Le premesse e gli intenti del progetto sono tanto lodevoli quanto realistici, per questo molti enti hanno già deciso di patrocinarlo:  il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, FSC Italia, l’Associazione Foreste di Pianura, l’Università degli Studi di Padova, quella della Tuscia, la Città Metropolitana di Torino, l’Ambasciata Britannica di Roma e molti altri.

Il piano di adattamento climatico nasce dalla previsione di fatti comprovati da dati certi: nei prossimi anni il nostro paese dovrà sopportare rispetto alle annate precedenti fino a 20 giornate in più con temperatura sopra i 30° C, con relativi cali delle precipitazioni e aumento della siccità. Essendo una situazione in continua evoluzione, se non si comincia subito ad adottare delle misure per contrastarla, ci troveremo presto a dover affrontare una stagione afosa che si estende molto più della norma, con ovvie quanto catastrofiche ripercussioni sull’ambiente.

Ciò che frena i comuni dall’occuparsi capillarmente delle proprie aree verdi è la mancanza dei fondi e delle risorse economiche necessarie a combatterne il degrado. Mosaico Verde propone quindi una piattaforma per agevolare l’incontro tra aree verdi che necessitano di tutela o riqualificazione e aziende o enti che vogliono contribuire alla causa investendo in progetti di supporto all’ambiente.

Le aree designate messe a disposizione continuano ad aumentare. Si tratta di zone urbane ed extraurbane da riqualificare in aree verdi, zone boschive a rischio di dissesto idrogeologico, aree soggette a disboscamento o lasciate in balia del degrado. Le zone protette già esistenti vedranno recuperi delle reti sentieristiche, pulizia e costruzione di nuovi impianti.

La visibilità del progetto beneficerà di piani strategici di marketing e comunicazione portati avanti dalle aziende e dagli enti coinvolti, per dare vita a un piano comunicativo strutturato. Su tutta la penisola l’ambiente è a rischio e l’ecosistema con queste aree nel caso in cui non ci si muova in tempo per rimediare alla situazione.

Tags

Articoli correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close