• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cultura, Primo Piano

A settembre con Meridiani Montagne in “Viaggio sulle Alpi Apuane”

È in edicola a settembre il nuovo numero di Meridiani Montagne “Viaggio sulle Alpi Apuane”. Ecco l’editoriale del direttore Marco Albino Ferrari:

“L’isola bianca delle Apuane è un gioiello naturalistico amato fin dalla fine dell’Ottocento da escursionisti e alpinisti. Nel 1902 veniva inaugurato il primo ricovero in quota, l’Aronte, tra i pendii della Tambura e le creste del Cavallo e del Contrario. E si iniziavano a segnalare i primi sentieri, magari seguendo le tracce un tempo percorse da cacciatori e da «uomini-gatto» capaci di passare su cenge e ballatoi in cerca di una preda o di un affioramento di marmo. Sentieri che oggi superano il vertiginoso ammontare di 500 chilometri.

Montagne ha già posato la sua lente su questo meraviglioso gruppo di cime a marzo del 2008. Ora ritorna a parlare di Apuane perché in questi nove anni i problemi legati all’attività estrattiva del marmo si sono aggravati. È questo infatti un numero che vuole attirare l’attenzione su un problema non più trascurabile da parte dell’opinione pubblica nazionale. Le cave stanno mettendo in pericolo queste montagne.

Il presidente del Cai Vincenzo Torti sostiene che «non si può concordare con strategie che affermano di tutelare distruggendo, e che portano detrimento ad attività assai più sostenibili che, con un po’ di pazienza, potrebbero dare ottimi risultati». Il famoso bivacco Aronte, per esempio, sorge al margine di una gigantesca cava di marmo che si è spinta a circa 1640 metri. Una situazione insostenibile, allarmante, soprattutto considerando che molte cave sorgono all’interno del Parco naturale. Si spera che il presidente designato dalla Regione Domenico Davini metta in atto la chiusura graduale delle cave nell’area protetta, come rivendica lo stesso Cai e il Coordinamento Apuano.

Intanto, noi viaggiamo intorno e dentro questa isola di roccia chiara, a volte accecante. Magari anche con la neve, facendoci sedurre dallo sdrucciolevole racconto del grande scrittore-apuanista Andrea Gobetti.”

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.