Ambiente

Effetto serra, è colpa anche dei terremoti

immagine

ROMA — L’attrito delle rocce sedimentarie che avviene durante i terremoti, genererebbe, gas serra come anidride carbonica e monossido di carbonio. Una scoperta, quella dei ricercatori del Cnr, che potrebbe imporre una seria rivalutazione delle responsabilità umane nei cambiamenti climatici.

Il dato è emerso durante una ricerca dell’Istituto per lo studio dei materiali nanostrutturati (Ismn) del Cnr di Roma.. Recentemente, è stata oggetto di pubblicazione su alcune riviste internazionali di geofisica.

I ricercatori impegnati nel progetto avrebbero dimostrato che le rocce carbonatiche e argillose, messe in condizioni di attrito, possono generare una notevole quantità di gas serra, come anidride carbonica,monossido di carbonio, metano, idrogeno e drocarburi più complessi. Alcuni di questi gas rimarrebbero nel sottosuolo, altri finirebbero nell’atmosfera.

Curioso è che gli scienziati non si stavano occupando di clima, bensì di industria. Il loro studio riguardava infatti la messa a punto di nuovi processi per la produzione di materiali leganti innovativi a base di argille e calcari.

Alcuni esperimenti condotti in questo ambito hanno visto l’utilizzo di particolari “mulini” in cui le rocce venivano macinate per attrito, ricreando condizioni simili a quelle di un sisma. Durante questo processo, gli scienziati hanno notato che le rocce diventavano estremamente reattive a temperature molto basse (un centinaio di gradi). In pratica, sprigionavano dei gas che si dissociavano e si ricombinavano formando metano e altri idrocarburi.

Immediato è stato il collegamento con l’aumento di gas serra nell’atmosfera. Sinora, le uniche sorgenti naturali di gas serra erano state identificate nei vulcani e nelle fonti termali. Anche se l’attività antropica resta, per ora, la maggiore responsabile del riscaldamento atmosferico.

Al momento, i ricercatori sono impegnati a verificare le effettive analogie tra i sismi naturali e ciò che hanno sperimentato in laboratorio.

 

Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close