News

Monte Rosa, rifugio a forma di cristallo

immagine

ZURIGO, Svizzera — Un rifugio luccicante, ultramoderno e sopratutto ecosostenibile. Ecco cosa sarà la nuova Capanna Monte Rosa, che il Club Alpino Svizzero sta costruendo sul versante elvetico della montagna, a 2.883 metri di quota, su una terrazza panoramica affacciata verso il Cervino. Il progetto del rifugio, che avrà la forma di un cristallo, è stato elaborato da studenti e professori del Politecnico di Zurigo.

L’idea di rinnovare questa capanna è nata nel 2003, in occasione del 150esimo anniversario del Politecnico, da due docenti: Andrea Deplazes e Meinrad K. Eberle, che poi l’hanno portata avanti coinvolgendo gli studenti. Oggi il rifugio, che sorgerà incastonato tra i ghiacciai di Gorner, Grenz e Monte Rosa, è in fase avanzata di costruzione.

I lavori sono iniziati l’estate scorsa e, dopo una pausa invernale di circa sei mesi, sono ripresi il 4 maggio di quest’anno. I responsabili prevedono di inaugurarlo entro l’autunno, probabilmente nel mese di settembre. Gli alpinisti potranno poi usufruirne dalla primavera dell’anno prossimo.

Il rifugio avrà un aspetto del tutto futuristico. All’esterno sarà ricoperto di pannelli metallici che regaleranno riflessi come di cristallo. All’interno il rifugio sarà di legno, con un interessante mix architettonico di tradizione e modernità.

Ma la più grande innovazione riguarda l’energia: il 90 per cento del fabbisogno energetico è soddisfatto con l’energia solare e, per come è stato studiato, il nuovo rifugio produrrà solo un terzo delle emissioni rispetto al passato. E anche durante la costruzione, si è cercato di compiere le scelte maggiormente compatibili con l’ambiente.

Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close