Alpinismo

Alex Txikon: “Non sono un eroe”

Mama, mama sai chi c’è?  È arrivato el Dindondero… M’è spuntata nel cervello l’antica canzoncina pubblicitaria appena ho letto il titolo del post odierno di Alex Txikon: “No soy un superheroè” (Non sono un supereroe). Poi lo sguardo m’è scivolato sullo slogan della sua spedizione “EVEREST un reto sobbrehumano” (Everest una sfida sovraumana).

Anche senza la linea rossa del suo racetracker, che lo certifica al Campo Base, il nostro Txikon riesce a incuriosire il mondo che lo segue in alta quota, se non altro per la contraddizione dei due motti che ben interpreta il profondo concetto di marketing innovativo che un vecchio caro e molto professionale giornalista mi esprimeva alcuni anni fa in occasione di una serata alpinistica: “A l’è brao. Al dis prope chel chi oter i veul sentì” (È bravo. Dice proprio quel che gli altri vogliono sentire).

A parte le buffe e inutili considerazioni scritte tanto per ravvivare l’attenzione sull’Everest in inverno, Alex annuncia che nei prossimi giorni se la prenderà comoda.

Tags

Articoli correlati

2 Commenti

  1. la discrezione, oserei dire modestia, di un ” gnaro ” mondinelli, nives meroi e romano benet per citarne alcuni è pari alla loro classe…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close