Cronaca

Lieto fine per tre speleologi entrati nell’Abisso del Corno di Campo Bianco

LUSIANA, Vicenza — La paura è stata tanta, ma alla fine la vicenda si è risolta nel migliore dei modi: tre speleologi erano entrati ieri in mattinata nell’Abisso del Corno di Campo Bianco in Val Galmarara, sull’Altopiano di Asiago, senza però fare ritorno. Nella notte un amico che li stava aspettando al Bivacco Tre Fontane ha lanciato l’allarme e alle 2.30 circa una squadra del Soccorso alpino di Asiago e una squadra di primo intervento del Soccorso speleo di Vicenza si sono messe in moto e hanno raggiunto il bivacco, non distante dall’ingresso della cavità – una grotta ancora in esplorazione, impegnativa, che raggiunge gli 800 metri di profondità – per verificare la segnalazione e predisporre l’avvio delle operazioni, mentre le altre Stazioni della VI Delegazione speleologica Veneto – Trentino Alto Adige si preparavano a partire con l’opportuna attrezzatura dai diversi magazzini.

Fortunatamene, una volta lì, i soccorritori hanno visto delle luci provenire dall’ingresso. Erano i tre speleo, due uomini e una donna vicentini, che stavano rientrando. Una volta appurato che i tre stavano bene e si era trattato solamente di un ritardo, le squadre sono scese a valle. L’intervento si è concluso poco prima delle 6 di questa mattina.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close