• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Sport

Ivan Basso re della mtb sulla neve

immagine

MOENA, Trento — E’ Ivan Basso il più veloce al Passo San Pellegrino, anche con le gomme chiodate e anche sulla neve. Lo ha decretato la speciale corsa degli atleti del Team Liquigas che si sono sfidati su un circuito imbiancato del Cycling Ski Challenge, in Val di Fassa. Tra i campioni del ciclismo in gara sugli sci invece, il più forte è stato il re leone, Mario Cipollini.

Grande weekend tra bici e sci quello appena passato al Passo San Pellegrino, in Val di Fassa. Nelle gare della Cycling Ski Challenge, la sfida dei campioni del ciclismo sulle Dolomiti, i corridori si sono messi alla prova sulla neve: alcuni con speciali biciclette, altri nell’inedita veste di sciatori.
 
A correre in bici con gomme chiodate attrezzate a percorsi innevati, sono stati gli atleti del team Liquigas. Alla sfida principale hanno partecipato Ivan Basso, Franco Pellizotti e Daniele Bennati, in questi giorni in ritiro al Passo San Pellegrino.
 
In sella alle loro speciali mountain-bike si sono letteralmente arrampicati lungo le piste fino allo Chalet Coma di Cima Uomo misurandosi, in una spettacolare prova di cronoscalata sulla neve. Alla fine primo al traguardo è stato Ivan Basso, che su queste montagne ormai è di casa.
 
L’altra gara si è invece svolta sulle piste di Cima Uomo, dove i grandi campioni del ciclismo di ieri e di oggi si sono dati battaglia tra i pali. A misurarsi in una emozionante prova di slalom gigante sono stati Mario Cipollini, Gilberto Simoni, Moreno Argentin, Davide Cassani, Dimitri Konishev, Andrea Peron, Francesco Moser, Riccardo Magrini e molti altri ancora.
 
Alla fine però il più veloce è stato il re Leone, Cipollini, mentre dietro di lui sono arrivati Konishev, Peron e un formidabile Riccardo Magrini. 
 
"Sciare mi piace moltissimo ha detto il Cipollini -, le Dolomiti sono fantastiche e adesso mi posso finalmente godere questa meraviglia, quando passavo di qua in bicicletta con le tappe del Giro d’Italia c’era davvero poco tempo per guardarsi attorno".
 
 
 
Valentina d’Angella
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.