Sport

Al via la sfida mondiale di arrampicata

immagine

ARCO, Trento — Mancano poche ore ormai all’inzio della grande sfida internazionale di arrampicata, il Rock Master di Arco. La manifestazione, giunta ormai alla sua 22esima edizione, aprirà i battenti ufficialmente domani con la consegna degli "oscar dell’arrampicata", mentre sabato e domenica si entrerà nel vivo della gara.

Climber provenienti da tutto il mondo sono arrivati ad Arco e ora sono pronti a dare il via alle danze. Il Rock Master, l’importantissimo appuntamento internazionale di arrampicata, inaugurerà infatti domani la sua 22esima edizione.
 
Come da tre anni a questa parte, l’evento prenderà il via venerdì sera alle 21, al Casinò Municipale di Arco, dove verranno consegnati gli Arco Rock Legends, gli oscar dell’arrampicata. La serata sarà presentata dalla giornalista e conduttrice Kay Rush, lei stessa climber e grande appassionata di arrampicata.
 
Da sabato pomeriggio si entra nel cuore della sfida. Alle 13.30 ci sarà la prova a vista femminile, seguita dal Sint Roc Boulder maschile alle 15.30, dal Rock Master a vista maschile alle 17.00 e dalla speed alle 21.00. Domenica mattina alle 9.30 si terrà la prova lavorata del Rock Master mentre alle 14.00 il Sint Roc Boulder femminile. Alle 15.00 poi ci terrà l’evento finale, il Trofeo Ennio Lattisi, che vedrà impegnati i primi 4 classificati del Rock Master vero e proprio, per un’ultima sfida finale in parallelo.
 
La competizione quest’anno avrà tra le novità l’apertura alle donne della gara di speed. Sempre le prove speed in questa edizione adotteranno la parete utilizzata ai campionati del mondo. Gli atleti potranno così tentare di battere il record mondiale, attualmente in mano ai cinesi Quixin Zhong e Chun Hua Li (7”35 e 10”58 i tempi da battere).
 
In gara ci saranno i migliori climber della scena mondiale: da Ramón Puigblanque, vincitore della scorsa edizione, ai boulder austriaci Kilian Fischhuber e Anna Stöhr, alla polacca Edyta Ropek specialista nella velocità. E naturalmente poi i cinesi, detentori del record mondiale.
 
Tra gli italiani ci saranno Gabriele Moroni e Michele Caminati (boulder), Luca Preti (unico atleta impegnato sia nella speed che nel boulder), Luca Zardini (lead), Michel Sirotti e Matthias Schmidl (speed), Jenny Lavarda e Manuela Valsecchi (lead), Roberta Longo (boulder) e la giovanissima Sara Morandi.
 
 
 
Valentina d’Angella

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close