• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Curiosità, Primo Piano

Val Pusteria, ecco il cumulo di neve che non vuole sciogliersi

Il cumulo di neve, prodotto lo scorso inverno dai cannoni, continua a resistere al clima estivo (Photo Michael Burger courtesy of Ansa)
Il cumulo di neve, prodotto lo scorso inverno dai cannoni, continua a resistere al clima estivo (Photo Michael Burger courtesy of Ansa)

VALLE DI CASIES, Bolzano — É molto insolita la storia di questo cumulo di neve artificiale formato dai “fiocchi” dei cannoni di Valle di Casies in Val Pusteria. Nonostante il passaggio dei caldi anticicloni africani e del maltempo provenienete dal nord, infatti, non accenna a sciogliersi e molti pensano che potrebbe addirittura arrivare al prossimo inverno.

Valle di Casies è un piccolo paese a circa 1200 metri di quota della Val Pusteria che dà il nome ad una piccola valle al confine con l’Austria. La località è nota soprattutto per le piste per lo sci di fondo che durante l’inverno ospitano un’importante gara sportiva.

E’ proprio da queste piste che è stato creato il cumulo di neve che nelle ultime settimane sta incuriosendo molte persone e molti giornalisti. Secondo quanto riporta l’Ansa, la coltre bianca rimasta dalla produzione dei cannoni quest’inverno si è raccolta tutta in un punto creando un ammasso alto circa 10 metri.

Ad oggi la montagnola misura ancora tra i 3 e i 4 metri ed è composta da neve molto dura e compatta. Lo scioglimento è quindi molto lento tanto che si ipotizza che riuscirà a passare incolume il gran caldo estivo e le piogge autunnali per giungere fino al prossimo inverno.

Articolo precedenteArticolo successivo

3 Comments

  1. sara’ una cosa poco seria ma, perche’ non si scioglie? forse dovrebbero essere + precisi… magari la neve del cannone dura di piu’? potrebbe essere utile no’ ? ecco perche’ la leggono…

Rispondi a giovanni Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.