• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Sport

Doping: la Fis perdona, la Wada no

immagine

TORINO — Giro di vite al doping, almeno a parole. La Federazione internazionale dello sci ha fermato otto fondisti dopo i controlli antidoping effettuati oggi.

La Fis ha "interdetto" la partenza a questi sciatori di fondo, uomini e donne, a causa di "un tasso di emoglobina tropo elevato". Non si tratta però di una misura disciplinare, ha spiegato a sopresa la Fis, nè di una sanzione di alcun genere.
 
Chi invece non è disposto a tollerare sgarri è la Wada, l’agenzia internazionale antidoping. "Siamo determinati a battere ogni forma di doping!" è stato il monito lanciato da Richard Pound, numero uno della Wada, per i Giochi di Torino.
 
L’agenzia mondiale antidoping sovrintenderà ai test che saranno aumentati del 72 per cento rispetto alle Olimpiadi di Salt Lake City.
 
"La nostra è un’azione molto decisa – ha aggiunto Pound – non ci sarà nessun annacquamento. Utilizzeremo tutti i mezzi che abbiamo a disposizione per test ad altissimo livello".
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.