Alpinismo

Trovata la tenda dei francesi dispersi

immagine

KATHMANDU, Nepal — Una tenda mezza distrutta, ai piedi di un ripido pendio, tra i resti di una valanga. L’allarmante ritrovamento sul Paldor Peak (5.896 metri, Ganesh Himalaya), ha fatto perdere ogni speranza di ritrovare vivi i quattro alpinisti francesi dispersi dal 12 ottobre. E la squadra speciale di soccorso inviata nei giorni scorsi da Chamonix è stata richiamata in patria. Ma qualcuno insinua che il gruppo potrebbe aver sconfinato segretamente in Cina per scalare un settemila.

La brutta notizia è stata diffusa dalla stampa nepalese nelle scorse ore. A ridosso dello scorso fine settimana una tenda e del materiale alpinistico erano stati trovati nei pressi del campo base del versante nord della montagna. Nella tenda, era stato rinvenuto un "diario di bordo" secondo il quale i quattro alpinisti avrebbero lanciato un attacco di vetta dalla parete nord il 24 ottobre.
 
Nei giorni scorsi, una seconda tenda è stata ritrovata mezza distrutta a circa 5.500 metri di quota tra immensi blocchi di ghiaccio e neve. Chiari segni che quella zona è stata travolta, nelle scorse settimane, da un’enorme valanga.
 
Il ritrovamento ha contribuito definitivamente a spegnere le speranze di trovare vivi i francesi, le cui ricerche nei giorni scorsi sono state ostacolate anche dal maltempo.
 
Il ministero degli affari esteri francese ha infatti annunciato proprio ieri, tramite l’Associated press, che i cinque ufficiali e il medico della scuola militare d’alta quota di Chamonix, inviati in Nepal per supportare la squadra di soccorso della Nepal Mountaineering Association, ritorneranno in patria nel fine settimana a venire. Con loro rientreranno anche alcuni dei familiari dei quattro ragazzi che avevano voluto raggiungere il luogo della scomparsa.
 
Di Stéfan Cieslar, Jean-Baptiste Moreau, Raphael Perrissin and Vincent Villedieu (nella foto) si erano perse le tracce lo scorso 12 ottobre. Ma l’allarme non era stato lanciato fino al 5 novembre, quando un’amica ha avvertito le autorità dopo che i quattro non si sono presentati ad un appuntamento fissato da tempo.
 
Ma c’è qualcuno che non riesce ancora a credere alla loro effettiva scomparsa tra le creste affilate del Paldor Peak. Un loro amico di Grenoble avrebbe infatti dichiarato alla stampa che i quattro sarebbero sconfinati in Cina per scalare il Ganesh Peak (oltre 7.000 metri). Non avendo i visti per entrare nel paese, gli alpinisti avrebbero condotto tutta l’operazione nella massima segretezza.
 
Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close