• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota, Karakorum, Top News

K2: Merelli e Zaffaroni partiti per la vetta

K2
K2 (Photo M. Gallo)

CAMPO BASE K2, Pakistan — Di nuovo verso la vetta. E’ partito stamattina, con il riemergere del sole dopo giorni di nevischio,  il secondo tentativo di vetta al K2, 8.611 metri, che stavolta vede in campo anche gli italiani Mario Merelli e Marco Zaffaroni. Nel frattempo, i portatori della K2 Clean expedition proseguono la loro pulizia ai campi alti, lavorando come matti con le piccozze per estrarre qualcosa come 7 strati di tende abbandonate immerse nel ghiaccio.

Fremeva di preparativi, ieri, il campo base del K2. Il momento di tentare è tornato, dopo il fallimento di dieci giorni fa, quando le cordate dirette in cima sono state costrette al dietrofront intorno a campo 4 per via della neve instabile e del forte vento. Questa finestra di bel tempo, secondo i meteorologi, dovrebbe essere più ampia e stabile e offrire dunque maggiori possibilità di successo.

“Le spedizioni vogliono sfruttare questa opportunità meteo – racconta Maurizio Gallo, il capospedizione di Keep K2 Clean – perchè sembra che la prossima finestra sia attorno al 12 agosto. I kazaki incuranti del tempo incerto invece, sono saliti due giorni fa al 2 forse al 3 della Cesen. Mentre gli altri sono partiti ieri dal campo base. Gerlinde e Ralf lungo la stessa via e hanno chiesto a Mario e Marco di andare con loro, anche se avevano già tutti i materiali sullo Sperone Abruzzi”.

Così nei giorni scorsi, Merelli e Zaffaroni si sono organizzati per spostarsi sulla Cesen e scalare con gli amici. “Stavolta saliamo anche noi per la cima – dice Merelli -. Seguiteci e fate il tifo”. Oggi, il gruppo si sarebbe fermato a campo 2. Il tentativo di cima dovrebbe avvenire venerdì 6 agosto.

E mentre gli occhi sono puntati sul tentativo di vetta, procede il lavoro certosino e prezioso di chi sta pulendo questo paradiso d’alta quota. “Ieri abbiamo completato un ulteriore pulizia del campo 2 – racconta Maurizio Gallo -. E’ il campo sicuramente più sporco essendo utilizzato molto più degli altri. La pulizia delle numerose tende distrutte non è stata ancora completata e richiede ulteriori lavori. Stiamo programmando la pulizia del campo 3: il 5 e il 6 è previsto bel tempo e poco vento per cui pensiamo di sfruttare questa finestra per salire e ripulirlo”.

“Il corso di formazione del rescue team a Gondogoro La procede benissimo con molto entusiasmo e attenzione – conclude Gallo -, oggi sono state cambiate alcune corde fisse e alcuni ancoraggi che erano ormai finiti; e stata anche posizionata la targa della società Remiera Tevere in posizione bellissima con vista sui 4 8000 del Karakorum”.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.