Sport

Skyrunning: atleti pronti per il mondiale sulle Grigne

immagine

PASTURO, Lecco — E’ in programma per domenica 17 settembre il 6° Trofeo Scaccabarozzi – Sentiero delle Grigne, settima prova del campionato mondiale di skyrunning. Uno spettacolare e tecnico anello che gli atleti percorreranno al cospetto delle leggendarie guglie che sovrastano il lago di Lecco e allontanano lo sguardo sino alle bianche cime della Svizzera.

Nata per ricordare l’alpinista lecchese Giacomo Scaccabarozzi, scomparso nel 1998 sulla Grigna in un tragico incidente col parapendio, la gara si svolge sul tracciato che collega gli 8 rifugi del massiccio lecchese – Soldanella, Rosalba, Elisa, Bietti, Bogani, Brioschi, Pialleral, Riva – detto appunto "Sentiero delle Grigne".
 
In ogni rifugio ci sarà un punto di ristoro per gli atleti.
 
La partenza è prevista per le ore 7.30 da Pasturo. Il percorso di gara prevede la salita alla "Grignetta" o Grigna Meridionale (2.177 metri) lungo il Sentiero delle Foppe e la Cresta Cermenati e poi la discesa passando per il Buco di Grigna e il Rifugio Elisa. In questa parte gli atleti dovranno vedersela con dei tratti attrezzati con catene e corde fisse.
 
Dal Rifugio Bogani (1.822 metri) riprende la salita al "Grignone" o Grigna Settentrionale (2.410 metri), dal versante Nord. L’utimo tratto discendente porta al rifugio Pialleral e poi a Pasturo (640 metri), i vincitori sono attesi per le 12.30 circa. Per tutta la mattinata, a Pasturo regnerà l’intrattenimento, con dimostrazioni di arrampicata sportiva ed esibizioni vocali del Corpo Musicale Colombo.
 
Con uno sviluppo di 43 chilometri per 3.200 metri di dislivello, molti dei quali su tratti parecchio tecnici soprattutto in Grignetta, il Trofeo Scaccabarozzi si presenta come una delle gare più spettacolari del panorama dello skyrunning. Non a caso fa parte, per il secondo anno consecutivo, del circuito BUff Skyrunning World Series, a rappresentare l’Italia insieme alla Dolomites Skyrace.
 
I record di percorrenza del Sentiero delle Grigne sono detenuti, ad oggi, da Mario Poletti con 5h 02’o3” (2004) e da Corinne Favre con 5h 56’06” (2002). Ma nella griglia di partenza 2006, ci sono nomi altisonanti, che potrebbero insidiare seriamente questi primati.
 
La classifica della Buff World Series vede in testa, al momento, il messicano Ricardo Mejia seguito dall’italiano Fulvio Dapit con soli 40 punti di distacco. Sono ancora pericolosi, però, il catalano Augusti Roc, l’italiano Marco Rusconi e l’inglese Rob Jebb. Sul versante femminile guida la classifica l’inglese Angela Mudge, seguita a ruota dalla francese Corinne Favre. Ma la bergamasca Daniela Vassalli, neofita e nuova stella dello skyrunning, potrebbe soprendere ancora.
 
Sara Sottocornola
 
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close