• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Sport

Arco inventa gli Oscar dell’arrampicata

immagine

ARCO, Trento — Anche l’arrampicata avrà la sua notte delle stelle. Il primo di settembre, sulle rive del Lago di Garda, verranno eletti i due migliori arrampicatori del mondo: su otto nomination, ben due sono italiane. “Arco Rock Legends” è il regalo per il ventesimo compleanno della più famosa competizione di arrampicata del mondo: l’Arco Rock Master.

Per entrare nella leggenda dell’arrampicata, i climber hanno due possibilità. Il “Salewa Rock Award”, premio riservato al migliore arrampicatore su roccia,  e il “La Sportiva Competition Award”, che andrà al migliore atleta d’arrampicata agonistica.
 
La rosa delle nomination – rese note pochi giorni fa – comprende, per l’arrampicata su roccia, il celebre “Manolo” al secolo Maurizio Zanolla (nella foto), lo spagnolo Daniel Andrada, la basca Josune Bereziartu, il giapponese Yuji Hirayama e l’americano Chris Sharma. Per l’arrampicata agonistica, i tre candidati sono l’italiano Flavio Crespi, l’austriaca Angela Eiter e il ceco Tomas Mrazek.
 
A fare la differenza, non saranno solo le imprese compiute dai climber, ma anche lo stile e la capacità di influenzare il movimento dell’arrampicata in generale. I vincitori saranno decretati dalla giuria che ha stabilito le nomination: 14 giornalisti specializzati provenienti da tutto il mondo, tra i quali delle celebri riviste Vertical, Climbing, Alp, Pareti, Klettern e Desnivel.
 
I nomi che entreranno a far parte della “leggenda” saranno annunciati – proprio come nella notte degli Oscar – solo durante il gran galà del primo settembre, che verrà presentato da  Kay Rush, famosa conduttrice e grande amante dell’arrampicata. La serata si svolgerà presso il Casinò Municipale di Arco.
 
Il giorno successivo partirà invece la manifestazione sportiva vera e propria: il Trofeo Rock Master, che ormai da vent’anni segna il passo dell’arrampicata mondiale, mettendo a confronto i più forti atleti internazionali in un’ambientazione spettacolare.
 
Lo storico Climbing Stadium di Arco ospiterà, sabato 2 settembre, la prova "a vista" della gara di difficoltà (una via mai provata dagli atleti) e domenica, la prova "lavorata". Molte le manifestazioni e le competizioni di contorno.
 
Immagine di Simion, tratta dal sito Lasportiva.com
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.