AlpinismoAlta quota

Doug Scott diventa membro onorario UIAA: “Non me l’aspettavo”

“Non me l’aspettavo”. Sono queste le semplici parole, che denotano estrema modestia, con cui la leggenda dell’alpinismo britannico Doug Scott ha accolto la notizia di essere stato insignito della carica di membro onorario dell’UIAA (International Climbing and Mountaineering Federation).

“Un onore inaspettato che sono assolutamente orgoglioso di ricevere. Mi unisco ad una lunga lista di nomi che si è venuta a creare negli anni, verso i quali nutro il massimo rispetto”.

Un commento che davvero stupisce e ammalia, al pensiero che provenga dal primo salitore britannico dell’Everest dalla parete di Sud-Est. Impresa realizzata nel 1975, all’età di 34 anni, sotto la guida di Sir Chris Bonington, che lo portò a diventare un eroe nazionale.

Doug Scott, una vita tra alpinismo e solidarietà

Grande soddisfazione è stata espressa dal British Mountaineering Council (BMC), responsabile di aver presentato la candidatura di Scott a tale raro riconoscimento dell’UIAA.

“E’ ciò che merita per tutto il lavoro svolto per l’UIAA, il BMC e le popolazioni delle montagne del Nepal attraverso l’associazione Community Action Nepal nel corso degli anni. Ma anche per i suoi record alpinistici impareggiabili”, le parole del vice amministratore delegato del BMC, Nick Colton.

Accanto alle imprese alpinistiche – oltre 40 spedizioni himalayane e almeno 30 prime ascese – Scott ha infatti dedicato gran parte della sua vita alla solidarietà. Al supporto di quelle popolazioni con cui è entrato in contatto negli anni Settanta, che hanno toccato il suo cuore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

We are delighted that BMC Patron, Doug Scott CBE, has been honoured with a prestigious and rarely given out Honorary Membership to the International Climbing and Mountaineering Federation after we put his name forward for nomination. It is justly deserved for all the selfless work he has done for @uiaamountains, the BMC and the mountain people of Nepal with his charity @communityactionnepal over many years and also for his unrivalled mountaineering record 👏👏⁠ ⁠ Link in bio to the article⁠ ⁠ 📷 Doug Scott in his tent with porters (names unknown) during the 1979 Kangchenjunga expedition. Photo: Pete Boardman Collection / @mountainheritagetrust

Un post condiviso da British Mountaineering Council (@teambmc) in data:

La soddisfazione di Sir Chris Bonington

Non poteva mancare il commento entusiasta del grande amico di sempre, Sir Chris Bonington. “Non riesco a pensare a qualcuno più meritevole di tale onoreficenza al di là di Doug Scott”.

I due vecchi compagni di cordata, in questo anno complicato, si sono riuniti virtualmente per tornare insieme a quota 8848 metri. Una reunion sul Tetto del Mondo, realizzata attraverso una Everesting challenge, disputata sulle scale di casa, a scopo solidale. Naturalmente a supporto della popolazione nepalese. Una sfida cui Doug non si è voluto sottrarre nonostante l’avanzare della sintomatologia legata al suo linfoma cerebrale, diagnosticato poco prima del lockdown.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close