Cronaca

Coronavirus, intervista a Reinhold Messner

"Dovremo rinunciare e ricominciare come dopo la seconda guerra mondiale"

Reinhold Messner è preoccupato per le sorti dei suoi musei. Sei strutture, denominate Messner Mountain Museum, che formano un circuito di narrazione e racconto delle terre alte attraverso collezioni raccolte dallo scalatore altoatesino nel corso della sua esistenza.  “Il museo è chiuso in conseguenza ai decreti per il contenimento del Coronavirus” ci racconta al telefono. “Non sappiamo quando potremo riaprire. Continuiamo ad avere tutti i costi, ma nessuna entrata.

Messner, le vostre sono strutture autonome o sovvenzionata con fondi pubblici?

“Siamo autosufficienti, non riceviamo soldi dallo Stato, dalla Provincia o dai comuni. Siamo sempre stati capaci di gestire le strutture ottenendo un profitto. Senza clienti per mesi, o più, questo diventa impossibile. Con l’economia, non solo italiana, abbattuta dal Coronavirus sarà difficile immaginare di vivere in modo autosufficiente.”

I musei sono chiusi, ma all’interno si continua a lavorare?

“Certo. Noi non possiamo chiudere tutto, dobbiamo lavorare. Dobbiamo tutelare le collezioni. Per questo i dipendenti sono ancora impegnati.”

Da qualche anno la gestione del Messner Mountain Museum è affidata a sua figlia Magdalena, lei continua a dare il suo contributo nel coordinamento?

“Io non sono più il responsabile, ma in questa situazione di emergenza devo dare una mano. Qualche mese possiamo sopravvivere, dopo sarà necessario ricominciare senza perdere l’occasione di fare turismo. Il nostro è un turismo diverso da quello di Ischgl (località sciistica austriaca divenuta principale focolaio di Coronavirus in Europa, nda), dove la gente si è ammalata. Il nostro turismo è sinonimo di tranquillità, silenzio. Sono poche persone che visitano un museo.”

A quanto ammontano i costi di gestione delle strutture?

“Abbiamo speso circa un milione e mezzo l’anno per portare avanti il complesso museale.”

Riuscivate ad avere un guadagno?

“Siamo stati capaci di sopravvivere e avere una sicurezza per i prossimi anni. A mia figlia ho lasciato un museo sano, senza debiti. 200mila persone, circa, hanno visitato i musei. Adesso è tutto crollato, e questo vale per tutto il turismo in Italia.”

Cosa intende?

“Sarà un grande problema tenere vivi gli alberghi e i ristoranti. In Italia abbiamo molti lutti e stiamo affrontando una situazione sanitaria difficile. Stiamo però anche correndo il rischio di perdere la capacità di sopravvivere economicamente e questo sarà un peso per molti italiani. Alcuni perderanno il lavoro. Dopo potremo anche pensare di aprire gli alberghi, ma senza clienti questo non potrà pagare i dipendenti.”

Come immagina quindi il dopo Coronavirus?

“Penso che saranno anni molto difficili perché lo Stato non percepirà più le tasse aspettate. L’Europa adesso ha dichiarato la disponibilità ad aiutare, attraverso budget corposi, Spagna e Italia, i due Paesi maggiormente colpiti. Bisogna però chiedersi: chi guadagna questi soldi? Chi paga le tasse? Anche le multinazionali se non ottengono profitto non possono pagare le tasse.

Hanno immaginato un dopo Coronavirus dove tutto riprenderà come prima, si accorgeranno che non sarà così e mancheranno i mezzi per sanarci velocemente. Noi dovremo imparare a rinunciare e dovremo ricominciare quasi come dopo la seconda guerra mondiale.”

Tags

Articoli correlati

7 Commenti

  1. Approfitterei del periodo per far aggiornare il personale in tema sicurezza igienica e mi guarderei attorno per cercare prodott isanificanti ed igienizzanti, alcuni thermo scanner per testare visitatori in entrata.Rifornimento mascherine e guanti e idrogel per i non provvisti e pure mascherine trasparenti in policarbonato trasparente, loggate, acquistabili come souvenir o lavabili dopo l’uso …con acqua calda, sapone. In orario dichiusura…ozonizzatori in azione o lampade UV. Anche proteggi scarpe..al momento dell’ ingresso.Biglietto aumentato, ma se c’e’il resto penso si paghi volentieri.

  2. Scusate la domanda: nell’ articolo non se ne parla ma se non sbaglio il progetto dei musei di Messner è stato in parte finanziato della provincia Autonoma di Bolzano. Si potrebbe sapere in che termini e con quali accordi dato che passa quasi solo il messaggio che il grande alpinista sia una benefattore e non un imprenditore anche molto astuto? Niente da ribattere sul fato che qualcuno posso essere un imprenditore molto astuto ci mancherebbe, ma sarebbe importante saperlo per una completezza di informazioni in merito.
    Grazie

  3. Per precisare, le multinazionali le tasse le pagano nei paradisi fiscali o negli stati (anche europei vedi Paesi Bassi, Lussemburgo, Irlanda, Cipro ecc. ecc.) dove le condizioni sono favorevoli, con grande perdita per i paesi in cui il fatturato é fatto. Aggiungiamo che anche facendo cifre d’affari gli italiani « riescono » a evadere 190 miliardi di € anno (dati al 2019). Caro sig. Messner il coronavirus per fortuna passerà mai i nostri problemi, purtroppo, resteranno.
    Cordialmente

  4. E già ci si dimentica che senza gettito fiscale (ovvero le tasse pagate a qualsiasi titolo) lo stato crolla nei suoi molteplici compiti e anche servizi..La Sanità..Le forze dell’Ordine.. le pensioni e via discorrendo:Facile il sentenziare..difficilissimo trovare rimedi diversi..ci si ritrova più poveri e disarmati, più disorientati e incerti di prima.. come un interruttore della luce quello che si vedeva prima ora non si vede più.. o almeno diventerà più difficile l’immaginarselo.. sarà ed è un cambio epocale..viviamo tempi di cambiamenti.. come in tutte le specie sopravviverà chi si saprà adattare o avrà i numeri per emergere.. la natura e i numeri correlati.. ci porterà a doverci diversificare..solo l’essenza del nostro essere umano,cj salverà dalla lotta del più forte,e questo solo se si saprà esprimere il senso di solidarietà.. che ci deve contra distinguere

  5. Senza entrare nel merito se Messner sia o meno un astuto imprenditore, una cosa che ha detto è condivisibile che per molti Italiani sarà davvero un periodo difficile, ci saranno licenziamenti, poco o niente turismo estero, quindi molte persone che non riusciranno ad arrivare a fine mese, figuriamoci andare in un museo. Gli aiuti se ci saranno, come sempre è stato bisognerà vedere dove e a chi andranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close