• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota

Denis Urubko verso il suo obiettivo: la prima invernale del Broad Peak

Manca un mese alla partenza di Denis Urubko per il Islamabad, dove atterrerà il 12 dicembre prossimo. In Pakistan incontrerà gli altri membri della spedizione: Don Bowie e Lotta Nakyva, compagna del canadese.

L’obiettivo di Denis è chiaro: la prima salita invernale del Broad Peak, che con i suoi 8047 metri è la dodicesima montagna più alta della Terra.

Il programma è già definito: il 13 dicembre Urubko, Bowie saranno in viaggio per Skardu, dove trascorreranno qualche giorno per una prima fase di acclimatamento fino ai 5000m di quota. Poi, si sposteranno al villaggio di Askole, porta d’ingresso del Baltoro e da dove inizia il trekking.

I due alpinisti raggiungeranno il campo base il 23 dicembre, l’intenzione è quella di essere pronti a tentare la vetta in una quarantina di giorni durante i quali allestiranno i campi, le corde e si acclimateranno in quota. Termine per concludere la spedizione è il 28 febbraio, ultimo giorno dell’inverno meteorologico.

Non saranno del tutto soli nel freddo inverno del Karakorum, sono infatti diversi i team che quest’anno proveranno a scalare il K2. A tal proposito, Urubko ha chiarito che la propria spedizione avrà il permesso per salire anche la seconda montagna della Terra, ma sarà un obiettivo secondario. Solo in caso di successo sul Broad Peak e se ci saranno le condizioni, oltre alla via attrezzata fino al secondo campo, si potrà pensare di fare un tentativo anche sul K2.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

16 Comments

  1. La prima invernale del Broad Peak è stata fatta nel 2013 ne avete scritto anche voi e come fate a dimenticarla ora???? Cronisti deludenti. Urubko vorrà fare la SUA prima invernale con le sue date

  2. mmmm spero solo che i due polacchi morti durante la vera prima salita invernale del broad peak non vengano dimenticati così presto…
    letto così è abbastanza fuorviante

    1. Mah con tutto il rispetto che ho per Denis se ragioniamo così allora dovremmo guardare anche le singole condizioni meteo dei diversi inverni e considerare come prima valida la salita svolta in condizioni pessime e bufera e non quelle con cielo terso e sole…Per 5 giorni soltanto e regole sue non si può veramente togliere il merito della prima salita alla squadra polacca.

  3. Una provocazione di basso stile. Tra i tre più forti alpinisti “puri” in circolazione, sempre distaccato dalla smania della ricerca del record…puff…cade in un crepaccio di vanità rivendicando qualche giorno di differenza astrologica sulla carta e non sulla neve. Attenzione Denis. Lo devi scalare il Broad Peak! E perché non tentare subito e solo un record che sarebbe unico e certo? Il K2. quello più ambito. Più difficile. Più affascinante. Rischiando invece di farselo soffiare proprio di fronte agli occhi, sguardo in su, nello stesso momento in cui si autoproclama primo su una montagna già scalata in inverno, sulla carta e sulla neve. Il Broad Peak poteva farlo anche nei prossimi anni. Paura della montagna più… più…di tutte.

    P.s. è una provocazione?!

  4. Non capisco …. lui, grandissimo alpinista, cambia le regole come vuole? I polacchi all’epoca hanno fatto una grande impresa su una montagna ostica.
    Strano che non cavalchi l’onda un Simone Moro…. magari lo vediamo entrare in azione quando è tutto pronto?

    1. Sarebbe un’impresa straordinaria che lo farebbe entrare di diritto nel gotha dell’alpinismo piu’ di quanto sia già ora.
      Non fatevi fuorviare dai titoli dei giornalisti.
      Tutti sanno che per Denis l’inverno finisce il 28 Febbraio.
      Anche se ce la facesse, lui non si vanterà mai di aver fatto la prima invernale del Broad Peak. Saranno i giornalisti he come delle iene tenteranno di insinuare polemica.
      Molto piu’ sempliceemente lui la prova.
      Intanto si abitua all’altura.
      Quando sarà la, una volta sceso, se vede che le condizioni lo permetteranno (e sempre entro il 28 Febbraio), proverà il K2. Se anche magari dovesse sfruttare qualche corda fissa qua e la posata da qualche altra spedizione, non sarebbe uno scandalo.

  5. … sulla carta … sulla neve …
    Nel micro-clima di quelle zone a un certo punto la neve non c’è più
    ed E’ chiaramente estate.
    Denis cerca l’inverno vero e tosto.
    Il suo.

  6. Pierre, anche sul k2 troverebbe lo stesso microclima…e il suo inverno tosto. Troppo tosto lì?
    Cristian, la polemica l’ha iniziata Lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.