• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alta quota

Permessi di scalata in Nepal, un sistema arcaico

Chukima GoChukima Go (6259 m) Nepal. Foto @ Desnivel

Non è un 8000, ma si tratta del Chukima Go, 6257m, una bella montagna e salita. Gli alpinisti sono David Suela e il compagno Felipe Valverde, che è precipitato per 800 metri nel vuoto ed è morto dopo aver rinunciato alla vetta e iniziato a scendere. Ne abbiamo dato notizia nei giorni scorsi.

Ma quel che ora fa notizia è ciò che Mikel Zabalza, noto alpinista spagnolo che ha preso parte ai soccorsi, racconta sulle pagine di Desnivel del recupero di David, del suo rientro a Kathmandu e del fatto che i funzionari nepalesi del Dipartimento del Turismo trattengono Suela perché ha infranto la legge.

I due compagni hanno salito una montagna diversa e vicina a quella per la quale le autorità nepalesi avevano rilasciato il permesso. Hanno chiesto alla loro agenzia di permutare il vecchio permesso e di richiederne un altro. Costo 180 dollari. Avrebbero però dovuto andare a Kathmandu di persona per firmare e ritirare la nuova autorizzazione a scalare. David rischia un processo e il carcere, denuncia Zabalza.

Che il sistema dei permessi a pagamento sia arcaico, mal funzionante e generatore di malaffare è cosa nota. Personalmente scrissi più di 20 anni fa che andava cancellato.

Certo il problema della sostenibilità ambientale del turismo su alcune montagne ripropone oggi l’idea di limitazioni alla libertà assoluta di scalata. E bisogna pensarci seriamente. Ma la ragione principale per la quale esistono i permessi di salita è che i bilanci del Nepal e gli stipendi di qualche centinaio di funzionari dipendono dalle royalties che gli alpinisti e trekker pagano. Tasse anche giuste se servono a limitare l’affollamento (intenzione peraltro da tempo fallita) o se servono a mantenere pulito e in ordine l’ambiente naturale (e qui qualcosa di positivo si vede).

Il problema attuale di Devid, vittima di una tragedia dolorosa, sembra invece più ricondursi ad una faccenda di demenza burocratica, che non colpisce certamente solo gli uffici della capitale del Nepal ma in larga misura anche le amministrazioni pubbliche, ancorché montane, europee e in particolare italiane. Forse l’Ambasciata spagnola può dar lui una mano.

Ultima considerazione: se le regole nepalesi sono quelle e note, perché si continua a fare i furbi sperando di farla franca con la complicità di agenzie nepalesi non sempre trasparenti? C’è però anche da riconoscere che in alcuni casi per infrazioni riguardanti l’abuso di concessioni di permessi veri o anche falsi il Dipartimento del Turismo ha comminato alle “sue” agenzie multe salate e alcuni direttori d’agenzia sono stati mandati a processo.

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. come ho scritto già tra i commenti dell’articolo del sequestro del passaporto, mi pare davvero incredibile che uno venga arrestato o trattenuto perchè ha messo piede su un RILIEVO NATURALE “sbagliato”, specie considerando che di questa grossa roccia nessuno ne conosce nemmeno l’esistenza (primi tra tutti: il governo nepalese) nè le attribuisce alcuna importanza specifica.

    ora posso capire il problema del sovraffollamento dell’everest, ma stiamo parlando di un seimila sconosciuto in una regione (già poco visitata) costellata di seimila sconosciuti.

    Onestamente io – da giovane alpinista non professionista – sono molto rattristato da questo muro economico che impedisce a chi non vive di sponsor e alpinismo ultra-tecnico (o ha un conto in banca ben sopra la media..) di salire montagne dell’Himalaya. Si parla di qualche migliaia di euro inevitabilmente da sborsare solo per potersi permettere un ridicolo 6000 che assomigli ad una grossa collina di livigno.

    In karakorum pochi anni fa spesi circa 400 euro di viaggio inclusa la (tentata) salita di una montagna di seimilaquattrocento metri. Uguale nel pamir; dove un settemila non richiede nemmeno permessi.
    Mi pare assurdo che, mettendo piede nello stato limitrofo, debba spendere minimo minimo sei volte tanto per motivi davvero ingiustificabili. Oltre al fatto che non posso cambiare obiettivo (se mi capitasse di trovarlo in cattive condizione) pena rischiare di essere addirittura arrestato.
    E’ la morte dell’Himalaya come luogo romantico d’avventure d’altri tempi; essenzialmente ora è di proprietà di alpinisti ultra-tecnici sponsorizzati o di persone mediamente ricche.

    E’ un peccato perchè per quanto adori le aride montagne dell’asia centrale, l’himalaya tropicale ha uno suo grande fascino e mi sarebbe piaciuto viverci una bella esperienza (legalmente).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.