• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Monte Bianco, troppi parapendii, la Valle d’Aosta richiede il divieto all’ENAC

antoine girard, monte bianco, parapendiiLa folla di parapendii in vetta al Monte Bianco la scorsa settimana in uno scatto del pilota Antoine Girard – Foto FB @Antoine Girard

Stop ai voli in parapendio sul versante italiano del massiccio del Monte Bianco. Questa la richiesta inviata all’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) negli scorsi giorni dal Presidente della Regione Valle d’Aosta Antonio Fosson, in accordo con il Capo della Protezione Civile Regionale Pio Porretta, a seguito della tragica morte di un pilota di parapendio di nazionalità francese, precipitato sul lato sud della montagna lo scorso 26 giugno. Nella medesima giornata, secondo i dati del Sagf (Soccorso Alpino Guardia di Finanza), sono stati almeno 150 i parapendii atterrati sulla vetta del Monte Bianco. Una presenza consistente che ha impedito l’avvicinamento iniziale dell’elicottero del Soccorso Alpino Valdostano, costretto ad attendere che lo spazio aereo venisse liberato per procedere alle operazioni di soccorso.

“Le correnti ascensionali dovute al calore anomalo di questi giorni attirano numerosi appassionati del parapendio che decollano da Chamonix sfruttando le correnti favorevoli del versante francese”– ha dichiarato il Presidente della Regione Antonio Fosson, spiegando le motivazioni alla base della richiesta di introduzione di un simile divieto – queste stesse correnti però diventano molto pericolose non appena la vela oltrepassa i 4.800 metri della vetta del Monte Bianco. Inoltre, considerato che durante la stagione estiva gli interventi di soccorso possono essere numerosi, la presenza delle vele costituisce un fattore di disturbo e di pericolo per lo svolgimento delle operazioni rendendole lunghe e difficoltose”.

I limiti

Nella richiesta all’ENAC sono stati elencati con precisione i limiti areali e altimetrici della zona che risulta necessario regolamentare:

  • limiti laterali (in senso orario)
    • Col Ferret (45° 53’ 55’’ N, 07° 04’ 06’’ E)
    • Linea di talweg del Torrente Doire de Ferret sino al punto 45° 48’ 32” N, 06° 57’ 41” E
    • Linea di talweg del Torrente Doire de Vény sino al punto 45° 46’ 34” N, 06° 52’ 16” E
    • Col de La Seigne (45° 45’ 00” N, 06° 48’ 00” E)
    • Linea di confine italo-francese fino al Mont Dolent (45° 55’ 20” N, 07’ 02’ 41” E)
    • Linea di confine italo-svizzera fino al Col Ferret (45° 53’ 55’’ N, 07° 04’ 06’’ E)
  • limite altimetrico
    • Dalla superficie topografica al più elevato dei due livelli: livello di volo FL 115  oppure 1.000 metri dal livello del suolo (AGL)
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.