Alpinismo

Austin Howell e il primo free solo nudo della storia

Torniamo per un attimo alla questione Free Solo mania perché oggi dobbiamo mostrarvi un altro personaggio, o meglio una sua performance, su cui riflettere insieme. Con ironia. Molta ironia.

Il suo nome è Austin Howell e di professione fa il freesoloist. Il suo curriculum, in cui compare anche The Nose su El Cap, è però degno di una controfigura hollywoodiana, tante sono le fratture, dalla schiena alle ginocchia, al cranio, alle vertebre. collezionate nei suoi 10 anni di attività in parete. Nonostante tutto lui non si ferma e cerca di superare i suoi limiti, a volte anche limiti di sobrietà.

Come ha fatto nella primavera del 2015, scalando la Dopey Duck (5.9), una via di tre tiri sulla Shortoff Mountain, a Linville Gorge nella Carolina del Nord, senza corde, senza assicurazione e senza vestiti. Nudo. Ma con un cappello. Unico elemento per cui non è convinto di poterlo definire il “primo free solo nudo della storia”.

Il video di quell’impresa, pubblicato online da EpicTv nel 2015  e successivamente caricato su Vimeo, è oggi disponibile su Youtube e dunque non potevamo esimerci dal segnalarvelo, qualora ancora non lo abbiate visto.

La domanda che sorge spontanea è se Austin sia un folle. La risposta che lui ha dato ai tanti che si sono chiesti il perché della sua scelta – e non ci riferiamo alla decisione di indossare il cappello – è che “l’arrampicata debba essere divertimento, i gradi non contano, non prendetevi troppo sul serio”.

A 4 anni dal suo free solo da record, Austin ha sottolineato che mai avrebbe pensato di far ridere 10 milioni di spettatori, diventando “il sedere più famoso nel mondo dell’arrampicata”.

Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. Sbaglierò, ma mi sembra di ricordare che negli anni 80 l’avesse già fatto Bubendorfer, senza nemmeno il cappello. E anche Bubi non scherza in fatto di politraumi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close