News

Grenoble, sopravvive a doppia valanga

immagine

GRENOBLE, Francia — E’ vivo per miracolo Gilles Durand, uno sciatore francese di 53 anni che la settimana scorsa è stato travolto da una valanga sopra Grenoble. Sopravvissuto, dopo pochi minuti è stato investito da una seconda slavina, che lo ha completamente seppellito. E’ rimasto sotto la neve per 45 minuti, rischiando di soffocare, ma alla fine è stato estratto da un cane del soccorso alpino.

Durand stava sciando fuoripista sopra la località Le Gua, quando è stato travolto dal primo distacco. Con prontezza di riflessi, ha cercato di "nuotare" nella neve, riuscendo a rimanere piuttosto in superficie. "Ero di schiena – ha raccontato Durand al quotidiano inglese The Guardian – ho cercato di muovere la neve sopra di me e ho visto il cielo. Ho pensato: sono salvo. Invece, poco dopo, un’altra valanga mi ha sepolto completamente".

Durand ha cercato di chiamare aiuto, ma stavolta era intrappolato senza possibilità di muoversi. "La neve mi entrava in bocca – ha detto – mi stava soffocando. Sono riuscito a sputare due volte. Poi mi sono detto: devo stare calmo per risparmiare ossigeno. Volevo uscirne vivo, ad ogni costo".

"Poi, istintivamente, ho trovato un varco per alzare la mano destra sopra di me – ha raccontato Durand -. e ho sentito di aver bucato la neve. Sono rimasto in quella posizione, perchè mi arrivava un po’ di aria e perchè speravo che i soccorritori vedessero la mano".

E infatti, così è stato. Il soccorso alpino, chiamato dal suo compagno di escursione, ha individuato il guanto mentre perlustrava la zona in elicottero. Quando è stato estratto dalla neve, Durand aveva una temperatura corporea di 28 gradi, ma tutto sommato stava bene. "Non credevo in Dio, ma ora non posso farne a meno" ha concluso lo sciatore.

Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close