• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo

Nepal: 700 lavoratori d’alta quota potrebbero ricevere i certificati di vetta ques’anno

Un ‘assemblea durante lo sciopero del 2017 al campo base dell’Everest

Sono 700 i lavoratori d’alta quota che potrebbero ricevere il certificato di vetta quest’anno dal Dipartimento del Turismo nepalese grazie alla riforma del Regolamento delle Spedizioni alpinistiche.

A beneficiarne Sirdar, portatori d’alta quota e guide, che dal 2015 non ricevevano più alcun attestato poiché riservati solo agli alpinisti paganti i permessi di scalata. Un’interpretazione del regolamento piuttosto stringente e che aveva generato non pochi malumori tra gli Sherpa, fino a giungere allo sciopero dell’anno scorso al campo base dell’Everest.

Non solo i certificati di vetta aiutano a tenere traccia del lavoro svolto, ma sono anche un incentivo” ha spiegato Maya Sherpa, vicepresidente della Nepal Mountaineering Association (NMA), che ha chiarito come per questi lavoratori non è solo un pezzo di carta, ma può dare opportunità di incremento del lavoro e quindi della vita di queste persone. “È un loro diritto” ha concluso.

Nei 700 lavoratori dovrebbero essere inclusi anche tutti coloro a cui è stato negato il certificato di vetta dal 2015. 

 

 

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.