News

Svizzera: morti i 3 dispersi nella valanga

immagine

Updated BERNA, Svizzera — Sale a sette il numero delle vittime della doppia valanga caduta domenica nella valle svizzera della Diemtigal, che ha travolto prima un gruppo di sciatori e poi i loro soccorritori. Stamattina, infatti, sono stati ritrovati i corpi delle tre persone ancora disperse sotto la neve: tutti senza vita.

La notizia, di cui non ci sono ancora i dettagli, è stata pubblicata poco fa su Ticino Online, che ha raccolto informazioni da un giornalista della "Berner Oberländer" che si trovava sul posto per seguire l’operazione di soccorso.
 
Il ritrovamento dei corpi è avvenuto intorno a mezzogiorno. Pare che i tre dispersi fossero tutti escursionisti del gruppo travolto dalla prima valanga: uno svizzero e due tedeschi di età compresa tra 38 e 48 anni.

La doppia valanga, caduta domenica intorno a mezzogiorno, aveva travolto una decina di persone tra sciatori e soccorritori. Il bilancio, ieri sera, era già di quattro vittime, tra cui un medico della Rega.

Pare si tratti dell’incidente da valanga più grave degli ultimi dieci anni, in Svizzera: secondo la stampa locale, un bilancio peggiore di questo si è avuto soltanto a Evolène nel 1999, dove si contarono dodici morti. Colossale l’impegno dei soccorsi: sulla Diemtigal, ieri, c’erano otto elicotteri, oltre un centinaio tra medici e soccorrritori e decine di cani da valanga. Stamattina, altri 60-70 tra tecnici del soccorso e uomini dell’esercito.
 

Sara Sottocornola

Info e photo courtesy www.tio.ch

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close