Outdoor

Skialp, al via il Trofeo Mezzalama

immagine

CERVINIA, Aosta — Grande attesa a Cervinia per la 17esima edizione dello storico Trofeo Mezzalama, la "più alta" gara di scialpinismo del mondo che si correrà domenica 19 aprile. Da Breuil-Cervinia a Gressoney la Trinité attraverso i ghiacciai del Monte Rosa e la vetta del Castore: un evento unico che rinnova una tradizione nata nel lontano 1933.

Il Trofeo Mezzalama è nato infatti nel 1933 dall’iniziativa dello Ski Club Torino. Poi nel 1997 è stata ripristinata fino ad arrivare ad oggi alla sua 17esima edizione. Si tratta di una scialpinistica storica, non solo perchè appunto "datata", ma anche per lo splendido percorso su cui si svolge, "il più alto" del Alpi, tra le più belle montagne del monte Rosa.
 
A cadenza biennale, si svolgerà quest’anno domenica il 19 aprile. Per prepararne il percorso 18 guide alpine delle quattro valli del Rosa – Valtournenche, Ayas, Gressoney e Alagna – nei giorni scorsi hanno lavorato per segnare il tracciato che collega il Colle del Breithorn, dove finiscono le piste battute di Plateau Rosa, con il Lago Gabiet a monte di Gressoney.
 
Oltre venti chilometri di ghiacciaio segnati con duemila paletti, che verranno rimossi subito dopo la gara. Gli scialpinisti saranno agevolati anche in condizioni di scarsa visibilità nel lungo tratto pianeggiante che va dal Colle del Breithorn al Passo di Verra, ai piedi del Castore, poi nell’ampia conca del Ghiacciaio di Felik fino ai piedi del Naso dei Lyskamm, e infine nella lunga discesa dalla base Est del Naso fino a Gressoney-la-Trinité dove sarà posto il traguardo.
 
Dopo la pausa festiva, riprendono oggi i preparativi, per ttrezzare con corde fisse i tratti più ripidi e impegnativi del percorso, che le cordate affronteranno sci in spalle e ramponi ai piedi, ossia la parete Ovest del Castore, la cresta del Felik e il Naso dei Lyskamm. Verranno poi allestiti sette bivacchi elitrasportati nei punti di controllo e ristoro, ossia Colle del Breithorn, Passo di Verra, vetta del Castore, ghiacciaio Felik, base ovest del Naso, vetta del Naso e base est del Naso.
 
 
Valentina d’Angella
Foto courtesy of trofeomezzalama.org

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close