Cronaca

Apuane, speleologa da 36 ore nell’abisso

immagine

LUCCA — Ottanta uomini sono impegnati da 36 ore nel tentativo di recuperare e trarre in salvo una donna intrappolata nella roccia, sulle Alpi Apuane. Si tratta di una speleologa bloccata nell’Abisso Aria Ghiaccia a causa di una grave ferita a una gamba, che le ha impedito la risalita sabato scorso.

Sono oltre 80 gli uomini impegnati da 36 ore nella fase di recupero della speleologa intrappolata in una delle grotte delle Alpi Apuane, l’Abisso Aria Ghiaccia, in provincia di Lucca.
 
La donna, di cui non sono state rese note le generalità, era partita sabato per la grotta insieme ad un compagno. Nella risalita purtroppo, a 270 metri di profondità, è stata colpita ad una gamba da un masso staccatosi dalla parete, e non ha più potuto proseguire il suo cammino.
 
A dare l’allarme è stato il compagno. Sul posto sono arrivati i soccorsi e nella notte, a prestare le prime cure alla donna, è arrivato anche un medico che le ha riscontrato una frattuta alla gamba. La speleologa comunque, anche se provata, sarebbe in buone condizioni.
 
Le ultime notizie riportano che mancano ancora 100 metri all’uscita dalla grotta, dopo di che la donna sarà definitivamente in salvo. Impegnati nelle operazioni di soccorso i volontari del corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico provenenti da tutta Italia.
 
 
 
Emanuela Brindisi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close