Cronaca

Como, armato di coltello semina il panico

immagine

COMO — E’ stata una mattinata da film del terrore quella vissuta dai residenti di Magreglio, un paesino sulle montagne del Comasco. Un uomo con gravi problemi psichici ha dato fuoco allo scantinato del vicino, poi ha ferito a coltellate due passanti e infine è stato arrestato dalle Forze dell’ordine.

Tutto è cominciato alle prime ore del giorno, nel paesino della Valassina noto per gli itinerari ciclistici e la sua chiesetta della Madonna del Ghisallo, da cui si gode uno splendido panorama sulla Grigne. A rompere la tranquillità dei bellissimo boschi del Monte San Primo e del Pian Rancio le grida inconsulte e fatti criminosi francamente sconcertanti. 
  
Secondo la prima ricostruzione, il pazzo, dopo essersi alzato, si è diretto nelle cantine e ha incendiato quella del vicino. Sul posto sono intervenuti subito i vigili del fuoco che hanno scongiurato il peggio. Ma la mattina di ordinaria follia era tutt’altro che conclusa.
 
L’uomo con gravi problemi di mente è uscito in strada e ha raggiunto il centro del paese, devastando tutto quel che incontrava sul suo cammino. Come in una pellicola horror, il pazzo, armato di un coltello da cucina, ha poi aggredito due passanti, ferendoli. I fendenti hanno raggiunto una donna che si trova ora ricoverata in condizioni definite gravi. Quindi si è dato alla fuga.
 
In paese è stato il panico. L’uomo è entrato in un bar con il coltello in mano e i vestiti imbrattati di sangue. Nel locale si è scatenato un fuggi fuggi generale fra urla di terrore e gente che se l’è davvero vista brutta. 
 
Avvertiti immediatamente Carabinieri e Polizia, sono scattate le ricerche. Sul posto anche un elicottero per cercare di individuare il prima possibile l’aggressore, prima che combinasse ulteriori crimini. non senza difficoltà,l’uomo è stato individuato e arrestato poco più tardi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close