Cronaca

Cuneo, delitto passionale tre 60enni

immagine generica

CUNEO — Omicidio-suicidio a sfondo passionale. Francesco Briano, ferroviere in pensione, ha sparato ieri sera all’ex fidanzata, Maria Manetto di 61 anni, uccidendola. Si è poi tolto la vita al Centro Anziani di Fontanelle di Boves in provincia di Cuneo, dove la donna aveva cercato riparo dalla follia omicida dell’uomo. A scatenare il dramma è stata la gelosia.

Sembra la trama di un poliziesco, si tratta invece di un fatto reale. E’ accaduto tutto intorno alle 19 di ieri. Franceso Briano, vedovo con una figlia, residente a Carcare in Valbormida, ha ammazzato a colpi di pistola la sua ex fidanzata. L’uomo ha aspettato che la vittima, vedova di Fossano, in provincia di Cuneo, salisse in auto con il suo uomo, l’ha apostrofata, poi le ha sparato contro un colpo di pistola. La donna, ferita e terrorizzata, ha cercato rifugio nei locali del centro per anziani li vicino, ma non è riuscita a sfuggire al suo aggressore.

L’omicida ha poi cercato di uccidere anche il compagno dell’ex fidanzata, è entrato nel centro ricreativo e ha fatto fuoco nuovamente. L’ex fidanzata è caduta, ferita mortalmente da due proiettili, poi l’uomo ha diretto un’arma contro il convivente della donna, che però è riuscito a mettersi al riparo. Sulla traiettoria del proiettile si è così trovata un’altra donna, Olga Astegiano, 54 anni, di Borgo San Dalmazzo, ferita da un colpo di pistola.

Ma non è tutto. Prima di partire, per uccidere l’ex fidanzata, Francesco Briano aveva ucciso, nella sua casa di Via Zunino a Carcare, anche l’anziana madre, sparandole in bocca. I Carabinieri hanno trovato il suo corpo nella notte.

Dopo avere seminato morte e terrore, Francesco Briano è uscito dal centro anziani e sul piazzale davanti all’edificio si è sparato in bocca, uccidendosi. I carabinieri e poi i necrofori sono giunti immediatamente sul posto, provvedendo a  portare via i corpi delle due vittime. La donna ferita è stata trasportata all’ospedale di Cuneo, dove è ricoverata: le sue condizioni non sarebbero particolarmente gravi. Le indagini sono ora condotte dai Carabinieri di Borgo San Dalmazzo e Boves e dirette dal sostituto procuratore Attilio Offmann.

Elisabetta Moretti

Photocourtesy of ilGiornale.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close