Cronaca

Due trentenni scompaiono sulla Levanna

immagine

TORINO — Erano partiti ieri mattina dal rifugio Daviso per scalare la normale della Levanna Orientale (3.555 metri) in Val Grande. Ma dalla montagna, non sono mai rientrati. I soccorsi stanno battendo a tappeto la zona, ma dei due trentenni torinesi non si è ancora trovata alcuna traccia.

Gli ultimi a vederli sarebbero stati due escursionisti di Verona, che li hanno incrociati intorno a mezzogiorno: loro scendevano, mentre i due torinesi stavano superando, in salita, un passaggio piuttosto impegnativo nei pressi della cima.
 
Poi, il nulla. Alle 18 il gestore del rifugio Daviso, non vedendoli rientrare, si è spinto fin sulla morena e ha provato a scorgerli, a chiamarli a gran voce. Non ottenendo alcun risultato, ha segnalato la scomparsa al soccorso alpino.
 
La loro macchina, in effetti, risultava ancora parcheggiata in località Forno Alpi Graie. Dalla  targa, le autorità sono risalite alle loro identità: Marco Berri di Santhià e Fulvio Pascotto di Torino.
 
Le ricerche dei due giovani, ieri sera intralciate dal buio, dalla nebbia e dalla pioggia, sono in corso da questa mattina all’alba. La speranza è quella che i due ragazzi, magari colti dalla nebbia durante la discesa, abbiano semplicemente perso la traccia e si siano fermati a bivaccare in qualche punto della montagna.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close