Cronaca

Bormio, si butta nel torrente col figlioletto

immagine

UPDATED VALDIDENTRO, Sondrio — Si sarebbe gettata nel torrente, stringendo fra le braccia il suo bimbo di soli 7 mesi. Una giovane valtellinese, di soli 23 anni, si è uccisa ieri sera in Valdidentro, a pochi chilometri da Bormio. Si pensa morto anche il figlioletto, i cui resti sarebbero stati rinvenuti poco fa dal Soccorso alpino.

Deborah Cossi, questo il nome della ragazza, aveva perso il marito meno di un mese fa in un incidente stradale. Da allora era caduta in uno stato di profonda depressione, che ieri sera l’avrebbe spinta a compiere il terribile gesto.
 
Ieri sera la giovane madre è recata, come faceva spesso, in Valdidentro, nei pressi della località Boscopiano. Un luogo dove spesso aveva passeggiato con il compagno scomparso, da cui però, stavolta, non è ritornata. Si è buttata nel corso d’acqua, trovando la morte nel letto del fiume dopo un volo di oltre cento metri.
 
Prima di tuffarsi ha mandato un sms al padre, dandogli un estremo saluto. Subito è scattato l’allarme, ma era già troppo tardi. Il corpo della donna è stato ritrovato poco dopo, intorno alle 23, sotto un traliccio a monte della confluenza tra il torrente Braulio e il fiume Adda.
 
Alla tragedia della donna si è subito aggiunta la paura per il suo bambino di 7 mesi, Daniel, che non si trovava più. Da casa era sparito.
 
Per tutta la notte e la mattina di oggi i tecnici del soccorso e i sommozzatori hanno scandagliato il fiume e i dintorni del dirupo da dove si è buttata la giovane madre, in cerca del piccolo, ma di lui nessuna traccia.
 
Nel primo pomeriggio, però, è avvenuto il macabro ritrovamento di alcuni resti organici su un costone roccioso nei pressi della Forra della Forcola. In questo momento sono in corso le analisi all’ospedale di Sondalo, per accertare se i resti trovati sul roccione appartengano alla madre o al figlioletto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close