• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo

Gasherbrum: al maltempo il primo round

immagine

BERGAMO — Contrordine compagni. Il maltempo sul Gasherburm I ha respinto il primo tentativo di Mario Merelli e Mario Panzeri. Dopo una sosta di un qualche ora a campo 3,  i due hanno dovuto fare dietrofront e tornare al campo base.  

“Alle due di ieri pomeriggio – racconta Merelli – ha inziato a nevicare pesantemente. In più c’era un vento molto forte. Per cui abbiamo deciso di ridiscendere al campo base". 
 
Il maltempo, il grande avversario di queste settimane, ha vinto anche questo round. Ma i Super Marios non disistono. “Il problema in questo momento è che in alto si addensano molte nuvole – ha spiegato l’alpinista di Lizzola -. Questa situazione dovrebbe durare un paio di giorni. Ne approfittiamo per riposare, mangiare, e poi torniamo su”.
 
In attesa del momento giusto, Merelli e Panzeri sono ridiscesi dai 7500 metri di campo 3 lungo la via dei giapponesi: "Devo dire che ci siamo anche divertiti! – racconta Merelli -, certo è ripido, ma è ben attrezzato e molto bello. Le condizioni della montagna sono buone. Ci sono, è vero, dei grossi accumuli di neve. E usciti dal Couloir il percorso non è semplice. Però, insomma, si può fare. Abbiamo davvero voglia di andare su!".
 
Campo tre è già pronto per il secondo tentativo. Nella tenda, i due hanno depositato tutto quello che serve: gas, cibo, tute d’alta quota. E quando la bufera si placherà, i Super Marios saliranno senza carichi. Leggerissimi e pronti all’impresa.
 
La volontà e la forza d’animo non mancano, anche se sono sempre meno le spedizioni rimaste. In compenso, hanno fatto la loro comparsa le api, attratte da alcuni piccoli fiori che crescono nelle vicinanze e rendono l’arrivo al base ancora più bello.
 
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.