News

Valcamonica, un Natale a tutto montagna

immagine

EDOLO, Brescia — Grandi ospiti come Hervè Barmasse e Giampietro Verza, uno splendido concerto di cori alpini e poi fotografie, quadri ad olio, sculture in legno, curiosità e racconti sul mondo della montagna. La cittadina camuna di Edolo, dal 27 al 29 dicembre, supera sè stessa ospitando una grandiosa rassegna sull’alta quota dal titolo "Il linguaggio della montagna: viaggio tra forme, colori e racconti".

La rassegna, ricchissima di iniziative, si preannuncia come uno degli eventi più vivaci dell’inverno camuno e valtellinese. La collocazione temporale, tra Natale e Capodanno, rende la mostra un’occasione da non perdere per tutti coloro che passeranno le feste natalizie tra la Valcamonica e la Valtellina.
 
In apertura, il 27 dicembre, ci sarà l’alpinista valdostano Hervè Barmasse, che presenterà i film mozzafiato della spedizione in Patagonia sul Monte San Lorenzo, dove ha realizzato la prima salita del versante nord. La spedizione ha siglato il successo del Trip Two dell’Up Project, progetto alpinistico-esplorativo che sin dalla sua nascita ha visto come protagonisti Barmasse e l’amico Luca Maspes.
 
Il giorno successivo sarà la volta di Giampietro Verza, celebre alpinista e guida alpina che ha rimisurato di persona le vette di Everest, Cervino e Aconcagua. La serata sarà all’insegna della tecnologia e della ricerca scientifica d’alta quota, con i filmati del laboratorio "Piramide dell’Everest“ e delle spedizioni alpinistico-scientifiche del Comitato Ev-K²-CNR, per il quale Verza è responsabile di tutte le stazioni di monitoraggio d’alta quota.
    
Entrambe le serate si terranno alle 20.30 nell’Aula Maggiore nella sede dell’Università della Montagna, a Edolo. Il 29 dicembre, chiuderà la rassegna uno spettacolare concerto congiunto del Coro Baitone di Edolo, diretto dal Maestro Passeri, e del Coro Rosa Camuna di Sellero, diretto dal Maestro Mottinelli. Un’esibizione che incanterà ogni orecchio presente nell’Aula Magna del Centro Sportivo Polivalente, di Edolo con inizio alle ore 20.30.
 
Ma non è finita qui. Le serate sono solo la ciliegina sulla torta di un’esposizione poliedrica e variopinta di opere d’arte fatte a mano, scorci di montagna, tradizioni e curiosità. Una mostra che resterà aperta dal 27 al 29 dicembre dalle ore 17 presso la sede della Facoltà di Agraria, in via Morino 8, che sembra valga proprio la pena di visitare.
 
Saranno esposte le tele ad olio della pittrice Sara Sottocornola, il cui filo conduttore sarà la vita della montagna, dall’alba al tramonto. Accanto ai quadri ci saranno le fotografie di Mirko Calufetti e di Paolo Sottocornola: una serie di scatti che vi condurranno in un magico viaggio attraverso le diverse stagioni e le meravigliose vette delle Alpi.
 
L’artista Ivan Mariotti porterà le sue sculture in legno e l’Università di Edolo contribuirà con storie del territorio, curiosità sulle coltivazioni tradizionali della Valle Camonica e molte altre sorprese.
 
L’intera rassegna è stata organizzata dall’Università della Montagna di Edolo, distaccamento dell’Università di Milano che gestisce il corso di Laurea in Valorizzazione e Tutela dell’Ambiente e del Territorio Montano. L’iniziativa è sostenuta anche dal Comune di Edolo, la Provincia di Brescia, la Comunità Montana di Valle Camonica, il Consorzio Comuni B.I.M. di Valle Camonica e la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Brescia.
 
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close