AlpinismoAlta quota

Nanga Parbat, troppo caldo: Confortola, Vielmo, Bellò e Bonaiti chiudono le spedizioni

Comunico con molto dispiacere ma con nessun rimpianto la chiusura della spedizione al Nanga Parbat”. Con queste parole Mario Vielmo ha annunciato che tornerà a casa insieme a Tarcisio Bellò e Nicola Bonaiti.

I tre alpinisti, insieme al pakistano Ali Musa, avevano completato la fase di acclimatamento e montato i campi fino a C3, a 6800 metri. Mancava solo la finestra di bel tempo, che era attesa per il 12 luglio. A fermare i tre alpinisti italiani la condizione della parete. “Abbiamo valutato la pericolosità della salita anche in base alle raccomandazioni di chi è sceso dall’ultimo tentativo di vetta, senza successo: ‘Attenzione la parte bassa della Kinshofer è diventata una roulette russa’. Il troppo caldo con zero termico a 6500m ha reso il canale uno scivolo di ghiaccio vivo e ora pericolosissimo per le continue scariche di sassi di ogni dimensione e a qualsiasi ora, anche di notte. Alcuni sono stati colpiti fortunatamente senza grosse conseguenze” racconta il vicentino.

Marco e più alpinisti hanno iniziato un primo tentativo di vetta, ma parte degli alpinisti (tra cui Marco) sono rientrati valutando la situazione troppo al limite e a campo 1 la maggior parte ha desistito e fatto ritorno al CB” raccontava lo staff di Confortola venerdì 8 luglio. Poi la decisione anche del valtellinese di rinunciare: “Purtroppo il surriscaldamento e le temperature in aumento stanno provocando tantissime valanghe da fondo”.

Già a inizio mese alcuni alpinisti avevano denunciato le condizioni del Nanga Parbat a causa delle temperature alte, tra cui Adriana Brownlee arrivata in vetta il 2 luglio accompagnata da Gelje Sherpa. “Probabilmente la cosa più pericolosa che ho fatto. La montagna era un crogiolo, praticamente un fiume verticale, ogni ancoraggio cedeva e le corde erano troppo tese per scendere. Rocce grandi come persone precipitavano a più di 160 km/h. Faceva paura”.

Noi siamo dalla parte della prudenza e non della follia. La montagna ha cambiato volto, ora non vuole nessuno e noi la rispettiamo” scrive ancora Vielmo, prima di dedicare l’ultimo pensiero alla tragedia della Marmolada: “Ora i nostri pensieri e le nostre preghiere vanno a tutte le vittime della Marmolada. All’ amico Paolo Dani con il quale ho trascorso dei momenti indimenticabili durante il corso guide. Ciao caro Paolo”.

Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. Leggo che qualcuno è salito fino in vetta poco dopo il loro abbandono.
    E’ difficile valutare e avere delle buone capacità per farlo senza sbagliare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close