Località di montagna

Dolomiti bellunesi montagne olimpiche – Speciale Outdoor Inverno

Sci alpinismo, racchette da neve e scalate su ghiaccio. È questo l’inverno che propone lo speciale Outdoor disponibile in allegato al numero 102 di Meridiani Montagne. Otto località per otto avventure da vivere all’insegna della fresca aria di montagna. Il nostro racconto oggi arriva sulle cime del bellunese.

È stato il più vittorioso discesista italiano nella storia della Coppa del Mondo di sci alpino, fin quando Dominik Paris non l’ha eguagliato il 13 marzo 2019. Stiamo ovviamente parlando del cortinese Kristian Ghedina uno dei nomi più noti nel mondo dello sci, vera e propria pietra miliare della discesa libera, che oggi ci accompagna alla scoperta dell’inverno nelle Dolomiti bellunesi. Queste montagne sono casa sua, quelle su cui continua a sciare tutt’ora, anche se non come atleta. Sono le cime calcaree ai cui piedi si sono disputate le Olimpiadi invernali del 1956, la prima manifestazione olimpica in una città italiana, e dove torneranno nel 2026, settant’anni dopo. “L’emozione per questo successo è stata più forte rispetto a ogni mia vittoria” il commento di Ghedina, attualmente impegnato nell’organizzazione dei campionati del mondo di sci alpino di Cortina 2021. Un progetto che segue con un entusiasmo sempre crescente pensando che “cinque anni più tardi ci saranno anche le Olimpiadi”.

Dolomiti montagne olimpiche, non le si potrebbero definire altrimenti. Lasciamo però che sia lo sciatore a svelarci l’incredibile ambiente che si può trovare in questa porzione dei monti pallidi.

Kristian sei nato e cresciuto tra le Dolomiti bellunesi, cosa rappresentano queste montagne per te?

“Sono un luogo unico, sono la mia casa. Penso che farei fatica ad andare via da Cortina, il paese dove vivo e che amo, a non vedere più quei panorami unici sulle Tofane, sul Cristallo o sul Becco di Mezzodì. Le Dolomiti bellunesi sono un luogo in cui ritornare sempre, dove ricaricare le batterie vivendo l’aria aperta. Magari sciando su una pista dal panorama unico.”

Per te sciare ha avuto un ruolo fondamentale nella tua vita, un merito che va anche alle numerose piste del bellunese?

“Sicuramente, ci sono dei gran bei comprensori qui. Quelli a cui sono più affezionato sono senza ombra di dubbio i comprensori delle Tofane, che sovrastano Cortina. Sono stati il mio campo di battaglia da ragazzino, grazie agli impianti che partivano proprio dal paese. Potevo quasi mettere e togliere gli sci sulla porta di casa, così ho vissuto esperienze uniche. Le stesse che oggi vivono i giovani che in inverno affollano Cortina.”

Prima ci dicevi che i panorami che avete qui sono unici…

“Certo che si, devi però viverlo per capire veramente. Nel bellunese si trovano i maggiori gruppo dolomitici, i più suggestivi. Dalle Tre Cime, alla Croda Rossa d’Ampezzo, luoghi unici che appartengono al Patrimonio Naturale dell’Umanità. Strutture fragili, maestose, che ti lasciano un segno quando le osservi, soprattutto nella veste invernale. Diventano magiche, suggestive, uniche.”

… Continua sullo Speciale Outdoor Inverno.

Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. Vi sono gruppi a portata di pianura, Pale di San Martino, Prealpi Feltrine, Civetta, Bosconero, Clautane.ecc.
    Ma la viabilita’ ha molti colli di bottiglia…si incontrano innumerevoli paesotti tutti con i loro BRAVI Telelaser Autovelox…limiti , strettoie.Va bene ci vive : ha pareti , sentieri e piste alle porte di casa.A volte si spreca benzina e tempo per raggiungere dalla pianura padana le prime piste e…cucu-‘sorpresa si trovano chiuse per restauro e spargimento di neve artificiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close