• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Bloccati sulla normale della Cima Grande di Lavaredo, soccorsi due alpinisti

Elicottero soccorso alpino venetoFoto archivio @ CNSAS Veneto

Ieri sera attorno alle 20.40 il Soccorso alpino di Auronzo di Cadore è stato allertato per due alpinisti in difficoltà sulle doppie di rientro dalla normale alla Grande delle Tre Cime di Lavaredo. I due avevano attaccato la Via Zeitsprung alle 9, una volta completata alle 18 avevano iniziato a scendere rimanendo bloccati a 2.750 metri di quota ormai al buio, senza frontali, con nebbia persistente e le corde incastrate nella roccia.

Due squadre hanno fatto base alla chiesetta tra il Rifugio Auronzo e il Lavaredo e, in contatto telefonico, hanno appreso che i due erano seguiti da una seconda cordata che stava per raggiungerli. Deciso che avrebbero chiesto di potersi aggregare ai rocciatori in arrivo – una coppia di ragazzi spagnoli salita dallo Spigolo Dibona – i soccorritori hanno quindi spedito loro via Whatsapp la relazione e tutte le informazioni necessarie a scendere dal punto in cui si trovavano (ottenuto dalle coordinate inviate), tra le quali l’invito a non calarsi troppo in un certo tratto per evitare di rimanere bloccati su un salto.

Dopo essersi uniti alla coppia, che li ha fatti andare avanti utilizzando le proprie corde, purtroppo però è accaduto proprio quello che non si auspicava: gli alpinisti si sono calati troppo bloccandosi nuovamente. A quel punto una squadra ha salito la normale e li ha raggiunti.

Dopo averli dotati di frontali – ne avevano una in quattro – e riportati sul percorso corretto, i soccorritori li hanno quindi aiutai a calarsi fino alla base e sono rientrati con tutti e quattro. L’intervento si è concluso verso mezzanotte.

Articolo precedenteArticolo successivo

5 Comments

  1. Ma come ca….o si fa ad andare in montagna a fare una via del genere e non portarsi la frontale. E’ la base di tutto avere una attrezzatura adeguata, è la prima cosa che insegnano nei club alpini.

  2. In primo luogo, bisogna far pagar loro i soccorsi… Toccare il portafoglio, di solito, è un sistema efficace…

  3. Aggiungo: partire alle 9h?!
    e cos’è? una promenade d’alta quaota?!
    persino i sassi sassi che in determinate occasioni la levataccia notturna e la partenza alle prime luci del alba puo essere fondamentale per riportare a casa la pellaccia!
    Mah!!!!

  4. Meglio di una soap!
    I due ragazzi spagnoli, che si erano presi anche loro fuori di notte e che poi si sono incrodati scendendo troppo in basso, sono incrodati da 3 gg sulla Cassin sulla Ovest.
    Il soccorso alpino è già uscito due volte con l’elicottero, allarmato dalla madre che li aspetta al rifugio Auronzo, e per due volte gli alpinisti hanno rifiutato di farsi aiutare a scendere.
    Oggi, 02.09, fa un freddo cane e piove e spero tanto si siano fatti aiutare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.