• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Cervino, precipita per 200 metri. Muore alpinista

cervino, incidenteFoto di archivio FB @Air Zermatt

Nel pomeriggio di martedì 6 agosto un alpinista sudcoreano è morto sul versante svizzero del Cervino, precipitando per circa 200 metri.

L’uomo stava salendo lungo la normale svizzera sulla cresta del dell’Hörnli, in direzione del bivacco Capanna Solvay, a 4.003 m di quota, insieme a un connazionale. Ad un certo punto l’uomo ha però deciso di rinunciare e di rientrare verso valle da solo. La caduta è avvenuta mentre scendeva, a una quota di 3.700 metri. La polizia cantonale del Vallese, intervenuta insieme ai soccorritori di Zermatt, ha divulgato la notizia soltanto questa mattina.

Altri incidenti sul versante svizzero

Un nuovo incidente sul versante svizzero del Cervino. Lo scorso 15 luglio un altro alpinista sudcoreano era precipitato, sempre in fase di discesa, dopo una notte trascorsa a 3.900 metri a causa del maltempo. La vittima era arrivata domenica al rifugio Hörnlihutte (3.260 metri) insieme a due connazionali con il proposito di salire in vetta il lunedì. Nel corso del pomeriggio i tre avevano intrapreso una ricognizione lungo la via normale svizzera di salita, lungo la cresta dell’Hörnli, incuranti del maltempo in arrivo. Costretti a fermarsi a 3.900 metri per l’intera notte, avevano iniziato la discesa nel pomeriggio di lunedì.

Il 24 luglio sono stati invece due gli alpinisti che hanno perso la vita precipitando da una quota di 4.300 metri, nel settore Kreuzsatz, dove sono posizionate le corde fisse. La causa più probabile potrebbe essere stato il distacco di una roccia che ha fatto cedere la corda. Una problematica, quella dello sgretolamento delle rocce del Cervino, causato dall’innalzamento termico, evidenziata anche da recenti dati scientifici forniti dal Federal institute of Technology of Zurigo.

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. Pua ipotesi.
    Se qualcuno proponesse lavoro di disgaggio roccette pericolanti della normale, con cemento a malte epossidiche di certi tratti…che parapiglia nascebbe?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.