• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca

Monte Rosa. Quattro incidenti in 48 ore, due le vittime

elisoccorso, monte rosaElisoccorso in azione sul Monte Rosa – Foto repertorio FB @Elisoccorso Piemonte

Nelle ultime 48 ore il massiccio del Monte Rosa è stato teatro di quattro incidenti. Tre nel corso del weekend, l’ultimo verificatosi nella mattinata odierna. Due morti e due feriti il bilancio attuale.

Nella mattinata di oggi un alpinista è morto precipitando dal versante sud del Polluce mentre percorreva la via italiana, a un centinaio di metri dalla vetta (4.092 m). Il Soccorso Alpino Valdostano è al momento impegnato nel recupero in elicottero della salma, che verrà trasportata a Cervinia (Valtournenche) per le operazioni di riconoscimento. Il compagno di cordata, già recuperato dalle fiamme gialle, è risultato illeso.

Sabato 20 luglio: primo incidente lungo la Cresta del Soldato

Nella mattina di sabato 20 luglio un alpinista tedesco è deceduto precipitando sul versante piemontese della Punta Giordani, lungo la Cresta del Soldato (4.046 m), finendo sul ghiacciaio di Bors. Un volo di diverse centinaia di metri sul versante Est del massiccio del Rosa a cui ha assistito una guida alpina che era in zona con alcuni clienti e che ha dato l’allarme. Sul posto è stato inviato un elicottero, purtroppo le condizioni meteo in peggioramento hanno consentito ai tecnici a bordo di individuare soltanto i compagni di cordata della vittima. Dopo vari tentativi di avvicinarsi resi vani dalla nebbia, l’elicottero ha fatto rientro alla base, passando poi l’intervento al Soccorso Alpino Piemontese, che ha immediatamente attivato l’eliambulanza 118 per il trasporto in quota delle squadre di terra. I tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese insieme al Soccorso Alpino della Guardia di Finanza sono stati così in grado di raggiungere gli alpinisti illesi e accompagnarli al Rifugio Mantova a Gressoney-La-Trinité.

Il corpo della vittima è stato recuperato solo nel tardo pomeriggio di sabato, con il diradarsi della nebbia che ha consentito il decollo di un elicottero convenzionato con il Soccorso Alpino Piemontese. La zona dell’incidente è infatti caratterizzata da terreno particolarmente instabile, soggetto a cadute di sassi e detriti, non accessibile con condizioni meteo proibitive come quelle che hanno caratterizzato il Rosa nella prima parte della giornata di sabato.

Domenica 21 luglio: secondo incidente lungo la Cresta del Soldato

Sempre lungo la Cresta del Soldato un secondo incidente si è verificato domenica 21. Venti metri di volo in una zona impervia, con il maltempo a complicare i soccorsi che, abbandonata l’opzione del recupero diretto in elicottero, hanno raggiunto il ferito a piedi per prestare insieme a un medico le prime cure. Pur essendo cosciente, il quadro clinico si è mostrato da subito serio. Appena possibile è stato fatto decollare un elicottero per trasportare il ferito in ospedale.

Domenica 21 luglio: incidente nella zona della Capanna Gnifetti

Nella medesima giornata il Soccorso Alpino Valdostano è stato impegnato in una ulteriore operazione di elisoccorso, per recuperare un alpinista caduto in un crepaccio sul piano dietro la “Capanna Gnifetti” (3.647 metri). Fortunatamente la vittima dell’incidente sarebbe in buone condizioni.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.