Cronaca

Un’altra vittima sul Cervino, precipita e muore un ragazzo di 28 anni

È un giovane aretino di 28 anni l’alpinista morto nella tarda mattinata di ieri, domenica 19 agosto, precipitato per oltre 300 metri a 3700 metri lungo la via normale italiana, finendo in un canalone lungo il versante svizzero.

A dare l’allarme il compagno ci cordata riuscito a raggiungere ala Capanna Carrel. Ad intervenire i soccorritori dell’Air Zermatt, che non hanno però potuto fare altro che constatare la morte dell’alpinista e recuperare il corpo.

Secondo quanto riporta Aosta Sera, che cita la testimonianza dell’amico al Sagf del Breuil, la salita era iniziata alla 5.30 dal rifugio Duca degli Abruzzi all’Orione, l’intenzione dei due era quella di andare in vetta e scendere in giornata. Mentre stavano affrontando il tratto attrezzato che è andato a sostituire la Cheminée dopo il crollo del 2003, poco sotto la Capanna Carrel, la vittima, che si sentiva stanca per le sette ore di scalata affrontate fino a quel momento, ha perso la presa della fune ed è caduta.

 

Tags

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Mi dispiace per la sua morte. Purtroppo in montagna (specie se si fa il cervino) ci sono pericoli oggettivi e soggettivi. Per evitare incidenti banali dovuto alla stanchezza, alla distrazione,… esistono modi per ridurre il rischio. Si usa il caschetto, la corda, l’imbrago, rinvii, picozza, ramponi,… e si sale legati assieme per avere una sicurezza maggiore lungo il percorso. Inoltre per il cervino si parte presto (alle 3:00 am dal Carrel) e non alle 5:30 dal duca degli abruzzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close