Cronaca

Scialpinista soccorso dall'elicottero

immagine

BERGAMO — Doveva essere una giornata tranquilla. Bel sole, un po’ di freddo per la verità, e gli amici. L’ideale per una gita scialpinistica in montagna. Ma per un appassionato di 34anni, la sfortuna era in agguato.

Con la sua compagnia stava salendo sopra le Baite di Mezzeno, in Alta Valbrembana. Da qui si dipanano diverse percorsi scialpinistici, fra cui un bel tracciato che porta al lago Branchino, poi lungo il sentiero dei Fiori, al pizzo Arera. Oppure quello che scende verso Roncobello.
 
Dalle parti di quest’ultimo si trovava la comitiva che stava affrontando un tratto nevoso quando all’improvviso il 34enne è caduto fratturandosi una caviglia. Impossibile muovere il malcapitato da lì o farlo scendere lungo i pendii scoscesi e innevati delle montagne sopra il paese brembano.
 
Per raggiungere gli scialpinisti e portare soccorso allo sfortunato non restava che una soluzione: l’elicottero del 118.
Così è stato. Il soccorso alpino, avvisato dai compagni di gita, è arrivato sul posto con un velivolo e ha trasportato il ferito all’ospedale di San Giovanni Bianco.
 
 
Foto courtesy www.valbrembanaweb.com
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close