Sport

Skyrace: 6 recuperi in elicottero

immagine

LODRINO, Svizzera — Nessun ferito ma un po’ di paura durante la skyrace svizzera Lodrino-Verzasca. Pioggia, neve e forti raffiche di vento hanno messo in difficoltà tutti i concorrenti. E ben sei persone, bloccate in alta quota per colpa dei temporali, hanno dovuto essere recuperati dall’elicottero del soccorso alpino. La skyrace si è chiusa comunque regolarmente e senza incidenti.

Non era pessimo il tempo, al momento dello start. Ma minuto dopo minuto, la pioggia si è fatta più forte, il vento più intenso e il freddo più pungente. Ad oltre duemila metri, ha iniziato a nevicare. E così, la skyrace della Valle Verzasca, in Svizzera, ieri stava per essere interrotta a a metà del suo svolgimento.
 
Invece, la maggioranza dei concorrenti è riuscita a percorrere il valico nonostante nella parte alta del percorso, ci fossero circa cinque centimetri di neve che rendevano il fondo pericoloso. Alcuni, gli ultimi, hanno fatto dietro front e sono tornati indietro prima di salire in quota.
 
Tre concorrenti e tre volontari sono rimasti bloccati a 1800 metri di quota, tra l’alpe Cornavosa e l’alpe Fumegna, con un principio di ipotermia e sono stati recuperati con l’elicottero della Rega. Con tre voli, nel primo pomeriggio, il soccorso alpino svizzero ha tratto in salvo i corridori, provati e infreddoliti ma in buone condizioni, e li ha trasportati fino all’eliporto di Lavertezzo.
 
Alla fine, la gara è stata vinta da Marco Gazzola che ha chiuso il percorso di 21 chilometri in 2 ore, 53 minuti e 27 secondi.
 
Sara Sottocornola
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close