Cronaca

Pinzolo, auto contro pullman: 2 morti

immagine

GIUSTINO, Trento — Tragico incidente stradale ieri pomeriggio sulla strada che collega Pinzolo a Tione, in Trentino. Un auto su cui viaggiava una famiglia si è scontrata frontalmente con un pullman: padre e figlia sono morti sul colpo mentre la madre è attualmente in condizioni gravissime.

Il bruttissimo incidente si è verificato vicino al paese di Giustino, circa 800 metri di quota sulle montagne del Trentino. Ieri pomeriggio la famiglia Povinelli stava viaggiando in direzione di Pinzolo quando a un certo punto la loro macchina si è schiantata frontalmente contro un pullman che passava sulla carreggiata opposta.
 
Terribile lo spettacolo che si è palesato agli occhi degli astanti: l’auto si è letteralmente incuneata sotto la corriera che  viaggiava vuota e fuori servizio. Un groviglio di lamiere ha intrappolato padre, madre e figlia e solo l’intervento dei vigili del fuoco che hanno tagliato la macchina con le pinze idrauliche ha permesso di estrarre i loro corpi.
 
L’elicottero del 118 ha subito soccorso i tre feriti. Per l’uomo e la figlia, una bambina di soli 7 anni, non c’è stato però niente da fare, sono morti sul colpo. La donna invece è stata intubata e portata in rianimazione all’ospedale Santa Chiara di Trento. Qui i medici l’hanno operata di urgenza ma attualmente il quadro clinico rimane molto grave.
 
All’ospedale di Tione è stata invece ricoverata Cristina Cipponeri, l’autista dell’autobus scontratosi con la vettura. La donna era in stato di shoc, ma fortunatamente sembra abbia riportato solo ferite lievi.
 
Ancora incerta la dinamica dei fatti su cui stanno attualmente indagando i carabineri di Carisolo. Le ipotesi più plausibili sono due: il guasto meccanico o il malore improvviso che avrebbe colto Povinelli alla guida dell’auto. Secondo le ricostruzioni infatti, la macchina avrebbe sbandato in maniera strana prima di invadere la corsia opposta come se fosse scoppiata una gomma.
 
L’incidente inoltre è accaduto lungo un tratto rettilineo della strada, in un punto quindi non considerato particolarmente pericoso. Le indagini infine dovranno chiarire anche la velocità a cui viaggiava il veicolo.
 
Valentina d’Angella

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close