Cronaca

Frana in Marmolada, chiusi 2 sentieri sulle Cime d’Auta

Cime d'Auta (Photo courtesy of Falciade86 on Wikimedia Commons)
Cime d’Auta (Photo courtesy of Falciade86 on Wikimedia Commons)

CANALE D’AGORDO, Belluno — Una frana e il pericolo di nuovi distacchi ha costretto il sindaco di Canale d’Agordo a chiudere due sentieri delle Cime d’Auta, appartenenti al gruppo montuoso della Marmolada. La chiusura non permette di raggiungere nè il rifugio Baita dei Cacciatori nè Baita Papa Giovanni Paolo I dalla cittadina della Valle dei Biois.

Tutto è iniziato nel tardo pomeriggio di sabato quando una frana si è staccata sul versante della Valle dei Biois delle Cime d’Auta, a poche centinaia di metri dal rifugio Baita dei Cacciatori (1751 metri), unico rifugio della catena dolomitica. É stato proprio il gestore della struttura a dare l’allarme e le autorità hanno inviato sul posto un elicottero dei Vigili del Fuoco di Belluno per un sopralluogo aereo.

L’ispezione ha evidenziato una frana di roccia e terra con estensione di circa 130 metri per 25, comprendente massi di notevoli dimensioni, staccatasi a 1760 metri di quota. Il distacco aveva inoltre danneggiato il sentiero che da Canale d’Agordo porta al rifugio e ha reso pericolanti altri massi.

Dato il rischio di nuovi crolli, il sindaco di Canale d’Agordo ha emesso un’ordinanza per la chiusura temporanea di 2 sentieri: il numero 689, nel tratto da Pian de le Fratte a Baita Papa Giovanni Paolo I, e il numero 697, nel tratto in cui si interseca con il sentiero 689. Il gestore del rifugio Baita dei Cacciatori, per il momento, potrà rimanere nella struttura.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close