Cronaca

Orso ucciso in val di Rabbi, si è trattato di vendetta?

M2 ucciso in Valle di Rabbi (Photo Ansa.it)
M2 ucciso in Valle di Rabbi (Photo Ansa.it)

RABBI, Trento — Un colpo di fucile, un proiettile per la caccia agli ungulati. E’ morto così M2, l’orso di 5 anni che viveva in Trentino tra la Val di Sole e la Val Rendena. La sua carcassa è stata ritrovata sabato mattina e ora il Corpo forestale del Trentino indaga sull’atto per bracconaggio, in base all’articolo 30 della legge sulla caccia. Stando le prime ipotesi potrebbe essere una “vendetta” premeditata a seguito delle razzie compiute dall’animale l’anno scorso.

Secondo quanto riferisce il Corriere delle Alpi, gli inquirenti starebbero facendo verifiche sui cacciatori della zona di Polinar, comune di Rabbi, dove l’animale è stato ritrovato morto sabato mattina. Il ritrovamento è avvenuto ad opera di due cacciatori: si tratta del primo abbattimento di orso negli ultimi 40 anni in Trentino.

L’esemplare è stato identificato come il giovane M2, maschio di 5 anni che circolava da un paio di anni tra la val di Sole e la val Rendena: in questa zona aveva causato non pochi danni agli allevatori, attaccando una decina di asini e altri bovini. Sarebbero questi gli elementi che farebbero pensare agli inquirenti all’ipotesi della ritorsione, ipotesi tutta ancora da verificare. A seguito di quelle razzie gli era stato messo un radio collare, per tenerlo sotto controllo e monitorare i suoi spostamenti.

Il corpo dell’orso è stato trasportato all’Istituto zooprofilattico di Trento, che ha compiuto le prime indagini. L’esame balistico poi porterà nuovi elementi, ma ad oggi sembra che il proiettile utilizzato per l’abbattimento sia uguale al tipo usato per la caccia agli ungulati. Stando al Corriere delle Alpi, la carcassa al momento del ritrovamento presentava già segni di decomposizione, pertanto è possibile che l’uccisione risalga a giorni addietro.

Tags

Articoli correlati

7 Commenti

      1. Infatti il problema non è Nord o Sud. Chi commette questi crimini,andrebbe preso e trattato allo stesso modo degli animali che uccidono. E comunque non è il primo orso ucciso in Trentino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close